​America Latina, 20 ex presidenti si schierano contro Papa Francesco

​America Latina, 20 ex presidenti si schierano contro Papa Francesco
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
10 Gennaio Gen 2019 10 gennaio 2019

Sono ben 20 gli ex capi di Stato di vari Paesi dell'America Latina a cui non è piaciuto il messaggio che il Pontefice ha rivolto al Venezuela e al Nicaragua nel giorno di Natale

Papa Francesco ha fatto indignare 20 ex capi di Stato dell'America Latina. Non è piaciuto il messaggio che il Pontefice ha rivolto al Venezuela e al Nicaragua il giorno di Natale.

"Questo tempo di benedizione consenta al Venezuela di ritrovare la concordia e a tutte le componenti sociali di lavorare fraternamente per lo sviluppo del Paese e per assistere le fasce più deboli della popolazione", aveva detto Papa Francesco. Una frase che non mette "l'accento sul fatto che i venezuelani sono vittima di una oppressione di una narco-dittatura militarizzata, che non si fa scrupolo di conculcare in maniera sistematica i diritti alla vita, alla libertà e alla integrità personale", scrivono i firmatari della lettera inviata su proposto di IDEA (iniziativa democratica di Spagna e Americhe) tra cui l'ex presidente messicano Felipe Calderón, quello argentino Fernando De la Rúa e il colombiano Álvaro Uribe. Secondo i 20 ex capi di Stato, se i venezuelani sono vittime di una narco-dittatura militarizzata, i nicaraguensi sono vittime "di una ondata di repressione che ha causato 300 morti e 2.500 feriti". In Venezuela dove "c'è un governo che ha causato 3 milioni di rifugiati", la corruzione è dilagante mentre la povertà avanza e, quindi, l'appello del Papa risulta ambiguo, come se fosse "una richiesta ai popoli oppressi, che sono vittime ad accordarsi con i rispettivi aguzzini". E chiariscono: "Le espressioni di Sua Santità che sappiamo essere in buona fede e dettate dal suo spirito di pastore, possono essere interpretate anche in modo negativo per la maggioranza dei venezuelani e nicaraguensi. Soprattutto quando esiste, attualmente, in entrambi i Paesi, un disaccordo politico che reclama tolleranza e comprensione, tra forze discorsi e narrative distanti, all'interno di un quadro ben poco democratico". Intanto, ricorda il Messaggero, ieri i vescovi venezuelani hanno dichiarato illegittimo il nuovo mandato di Maduro."È un peccato - scrivono in un documento ufficiale - che grida al Cielo voler mantenere a tutti i costi il potere e cercare di prolungare il fallimento e l'inefficienza di questi ultimi decenni: è moralmente inaccettabile! Dio non vuole che il popolo soffra sottomettendosi all'ingiustizia".

Commenti

Commenta anche tu