"Forse si è suicidato": autopsia sul corpo dell'immunologo Aiuti

Forse si è suicidato: autopsia sul corpo dell'immunologo Aiuti
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
10 Gennaio Gen 2019 10 gennaio 2019

La procura sta seguendo la pista del gesto volontario sulla morte di Fernando Aiuti, l'immunologo ritrovato senza vita all'ospedale Gemelli di Roma

È stato aperto un fascicolo sulla morte dell'immunologo Fernando Aiuti dalla procura di Roma che è in attesa dei dati della scientifica mentre sta seguendo la pista del gesto volontario

La procura della Repubblica di Roma sta realmente pensando che la morte di Fernando Aiuti sia stata voluta dallo stesso immunologo, tanto che ha aperto un fascicolo pensando al suicidio. Questa ipotesi è spinta da alcune strane "coincidenze" come le pantofole, lasciate ordinatamente sul gradino del quarto piano oppure l'assenza di tracce che facciano sembrare che il dottore abbia provato ad aggrapparsi da qualche parte per avere salva la vita. Il medico è morto volando da 10 metri nella tromba delle scale dell'ospedale Gemelli di Roma dove era ricoverato.

Delle indagini si sta occupando il pm Laura Condemi che ha compiuto il sopralluogo per capire cosa sia effettivamente successo quel fatidico 9 di gennaio, ora è stato assunto anche un medico legale quindi che si occuperà dell'autopsia sul corpo di Aiuti. Il dottor Cialella dell'Università La Sapienza di Roma dovrà vedere se l'immunologo stesse prendendo qualche farmaco o se abbia avuto un malore che lo ha spinto a cadere giù dalle scale.

Tags

Commenti

Commenta anche tu