Cereali e fibre aiutano contro cancro, diabete e infarto

Cereali e fibre aiutano contro cancro, diabete e infarto
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
11 Gennaio Gen 2019 11 gennaio 2019

Secondo uno studio neozelandese questi alimenti, se consumati regolarmente, potrebbero difenderci da molte malattie

Cereali integrali e fibre alimentari possono aiutarci a difenderci da molte malattie. Patologie importanti come il cancro, il diabete, l’infarto e l’ictus. A dirlo è uno studio neozelandese voluto dall’Organizzazione sanitaria mondiale, che è stato condotto da Andrew Reynolds dell’Università di Otago e pubblicato sulla rivista Lancet. Secondo i dati risultati da questa ricerca fibre e cereali farebbero da scudo a molte patologie, proteggendoci da un loro possibile sviluppo. Che un’alimentazione corretta sia importante per gli esseri umani è continuamente ribadito, e questo studio lo sottolinea. I ricercatori hanno revisionato 185 studi che hanno visto coinvolti 135 milioni di individui, 58 trial clinici e un numero considerevole di adulti partecipanti, 4,635. Gli studiosi si sono maggiormente soffermati sulle morti premature, i casi di infarto, ictus, malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e tumori uniti all’obesità, come seno, prostata, colon e esofago.

E’ emerso che il rischio di mortalità riguardante alcune di queste malattie cala del 5,7% aumentando di soli 8 grammi le fibre consumate quotidianamente. In particolar modo questo dato si riferisce al tumore del colon, al diabete e all’infarto. Per avere questi benefici le fibre consumate dovrebbero essere almeno 25-29 grammi al giorno. Più se ne mangiano e più la protezione aumenta. Se poi associamo 15 grammi di cereali integrali il rischio di diabete, cancro al colon e infarto diminuisce del 2,19%. Anche in questo caso più cereali integrali vengono consumati quotidianamente e meno rischio vi è di contrarre queste importanti patologie. Si può arrivare a una riduzione complessiva del 13-33% che vuol dire 26 decessi in meno per 1000 persone. Gli studiosi hanno però tenuto a sottolineare che le fibre devono essere assunte tramite gli alimenti presenti in natura, come legumi, frutta, verdura, e non attraverso gli integratori venduti in farmacia e al supermercato.

Tags

Commenti

Commenta anche tu