Attrice egiziana nei guai per un vestito troppo osé: "Rischia 5 anni di carcere"

Attrice egiziana nei guai per un vestito troppo osé: Rischia 5 anni di carcere
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Gennaio Gen 2019 10 giorni fa

Rania Youssef si era presentata al Cairo Film Festival con un vestito trasparente che lasciava intravedere le gambe fino ai glutei: è stata denunciata per "indecenza"

L'attrice egiziana Rania Youssef, rischia fino a cinque anni di carcere per colpa di un vestito considerato troppo osè per il quale è stata accusata di "condotta indecente", "depravazione" e "incitamento alla dissolutezza".

Per la sfilata sul tappeto rosso dell’International Film Festival del Cairo, la Youssef aveva indossato per l'occasione un abito nero "vedo e non vedo" semitrasparente che non lasciava molto all'immaginazione, lasciando intravedere le gambe fino ai glutei.

L’avvocato Nabih Al Wahsh, noto per le sue posizioni ultra-conservatrici, aveva dichiarato in diretta tv che avrebbe provveduto a denunciare l’attrice, per proteggere la moralità del popolo egiziano. E così ha fatto: proprio nella giornata di oggi, 12 gennaio, è fissata la prima udienza del processo.

La 45enne attrice si era subito scusata sui social. "Era la prima volta che indossavo quel vestito, e non ho capito che poteva scatenare l’ira di qualcuno, chiedo scusa. L’ho scelto pensando agli stilisti della moda internazionale. Riaffermo il mio impegno a rispettare i valori della società egiziana".

Commenti

Commenta anche tu