Da San Siro all'Arena tutte le strategie per conquistare il Cio

Da San Siro all'Arena tutte le strategie per conquistare il Cio
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Gennaio Gen 2019 12 gennaio 2019

Presentato il Dossier, Stoccolma da battere Via al Meazza, finale a Verona. Scelta a giugno

«Meglio non fidarsi del corriere...». Così le 40 chiavette Usb con i documenti riguardanti la candidatura olimpica di Milano e Cortina per l'edizione 2026 sono arrivate in treno a Losanna e da ieri mattina sono sul tavolo del Cio e del presidente Bach. Una candidatura sui generis (nel masterplan ci sono «sconfinamenti» delle sedi di gara in Trentino e Alto Adige) ma oggettivamente forte perchè - al momento - conta sulle garanzie economiche delle regioni Lombardia e Veneto e sul via libera formale del Governo, al quale spetteranno le garanzie in primis su sicurezza e trasporti. Di fatto il progetto italiano è già un passo avanti rispetto all'unica rivale, ovvero Stoccolma, che ha presentato la lettera di intenti delle tre regioni coinvolte (nel progetto anche Aare e «sconfinamenti» in Lettonia) ma ha ricevuto una dilazione di tempi dal Cio in attesa di novità sulla formazione del nuovo governo svedese e vive l'incognita della contrarietà al dossier del comune.

«La partita è apertissima, c'è ancora da pedalare, servono 44 voti su 87, ma abbiamo fatto bene i compiti, anche se come nella migliore tradizione italiana siamo arrivati quasi all'ultimo secondo», così ieri il presidente del Coni Giovanni Malagò a Radio Capital. Da quando il Cio aveva dato l'ok alla candidatura l'8 ottobre scorso, il lavoro della «squadra» che si occupa del dossier olimpico è stato continuo. Nemmeno il tempo di presentare i documenti al Cio che la delegazione italiana, guidata da Diana Bianchedi e Antonio Rossi, si è recata a Salisburgo per parlare della candidatura al presidente internazionale del bob. Il primo di una serie di appuntamenti europei e mondiali che faranno da vetrina al progetto italiano: se teoricamente la scelta dovrebbe basarsi sul programma e gli aspetti tecnici, in realtà conteranno altre dinamiche, dal lavoro politico a quello relazionale e di «lobby». La sfida interna è ora trasformare la distanza Milano-Cortina in una risorsa: nel suggestivo percorso tra Mantova, il Lago d'Iseo e i comuni dolomitici ci saranno eventi e iniziative per creare una vera strada olimpica. In più tre macchine «brandizzate» con altrettanti testimonial che gireranno nei territori e incontreranno le scuole. Infine progetti particolari anche durante il Giro d'Italia di ciclismo che si concluderà a Verona.

Il masterplan italiano prevede tre villaggi olimpici (Milano, Cortina e Livigno), la cerimonia inaugurale a San Siro e quella di chiusura all'Arena di Verona (un'ipotesi che dovrà ricevere l'ok del Cio per la scarsa capienza), sci maschile a Bormio, sci femminile a Cortina come il bob, hockey, short track e pattinaggio artistico nel nuovo Palaitalia da costruire in zona Santa Giulia a Milano, gare in Trentino tra Predazzo, Val di Fiemme, Tesero e Baselga di Pinè per sci nordico e salto, e in Alto Adige (ad Anterselva) per il biathlon.

«Quelli di Milano-Cortina e Stoccolma-Aare sono dossier innovativi, sostenibili e low cost - così il presidente della Commissione di valutazione del Cio, il romeno Octavian Morariu -. Le due candidature utilizzeranno l'80 per cento delle strutture esistenti o temporanee, rispetto al 60 di quelle precedenti, e i costi operativi iniziali (circa 400 milioni di dollari) sono in media del 20 per cento più basse rispetto alle edizioni asiatiche 2018 e 2022». La delegazione del Cio sarà a metà marzo in Svezia e dal 2 al 6 aprile a Milano e Cortina, entro il 12 aprile servirà presentare un altro faldone di garanzie, dal 5 al 10 maggio a Gold Coast presentazione davanti ai comitati olimpici mondiali, il 24 giugno la decisione finale a Losanna. Il conto alla rovescia verso il sogno a 5 cerchi è iniziato.

Commenti

Commenta anche tu