"La camorra è una scelta di vita", bufera sull'ad del Teramo calcio

La camorra è una scelta di vita, bufera sull'ad del Teramo calcio
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Gennaio Gen 2019 12 gennaio 2019

Il discorso del nuovo amministratore delegato, Nicola Di Matteo, ha suscitato non poche polemiche. Poi la replica: "Non mi ritengo un fine oratore. Giudicatemi per il mio lavoro"

"La camorra è una scelta di vita, io ho sempre rispettato loro, loro hanno rispettato me". Avrebbe esordito così il nuovo amministratore delegato del Teramo calcio, Nicola Di Matteo, a margine della sua presentazione ufficiale allo stadio.

Subito dopo la frase del nuovo ad è scoppiata la polemica. Il primo a indignarsi per le parole di Di Matteo è stato il sindaco della città. "La camorra è una scelta di morte e non di vita - ha commentato il primo cittadino Gianguido D'Alberto -. Nessun cittadino teramano si riconosce in parole che non denuncino come la camorra, al pari di ogni altra organizzazione criminale di stampo mafioso, sia sopraffazione, delinquenza, dispregio delle leggi e della libera convivenza. Non possiamo accettare che chi si unisce alla nostra comunità in qualche modo giustifichi o 'rispetti' quei comportamenti, quelle scelte di vita e quella cultura".

La replica

"Non mi ritengo un fine oratore, né tantomeno ho in dote la capacità di argomentare in modo abile e persuasivo, specialmente di fronte una telecamera", ha spiegato Nicola Di Matteo in una nota pubblicata dalla società sportiva. "Alle mere chiacchiere ho sempre risposto con i fatti, gli stessi che mi hanno portato a costruire qualcosa d’importante nel mio ramo professionale, partendo davvero dal nulla. La serietà professionale e lo spirito di sacrificio sono stati gli unici ingredienti capaci di portarmi dove sono ora, con lealtà e rettitudine".

Il nuovo ad si è poi rivolto alla città di Teramo: "Vorrei che possiate giudicarmi non per i classici luoghi comuni che caratterizzano il nostro Paese, viste le mie origini, ma per il lavoro che metterò in opera: sono un entusiasta del calcio e cercherò di dare una mano al club con l’innata passione che mi lega a questa disciplina".

Tags

Commenti

Commenta anche tu