Modrikamen: "Salvini come Trump: con lui le cose possono cambiare davvero"

Modrikamen: Salvini come Trump: con lui le cose possono cambiare davvero
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Gennaio Gen 2019 12 gennaio 2019

Mischaël Modrikamen, fondatore di The Movement, loda Salvini: "È uno dei pochissimi che è arrivato al governo, ha dimostrato loro che le cose possono cambiare davvero, che i porti si possono chiudere"

"Salvini, un po' come Trump, è divenuto un'icona in Europa. È uno dei pochissimi che è arrivato al governo, ha dimostrato loro che le cose possono cambiare davvero, che i porti si possono chiudere". Mischaël Modrikamen, fondatore di The Movement e leader del Partito del popolo belga, in un'intervista a Formiche.net, loda l'alleanza tra la Lega e il M5S.

Secondo Modrikamen i populisti hanno due alternative per arrivare al potere: "La prima è la via austriaca, ovvero un'alleanza con il centrodestra o il centrosinistra. La seconda consiste in un accordo fra populisti di sinistra e di destra. L'Italia è stato il primo Paese europeo a sperimentarla con il contratto fra Cinque Stelle e Lega". E, parlando di The Movement, il politico belga lo descrive come "un club dove i partiti possono incontrarsi, discutere un'agenda comune e supportarsi a vicenda". Un club di cui fanno parte Matteo Salvini e Giorgia Meloni, il neo eletto presidente brasiliano Jair Bolsonaro, Marine Le Pen. Poi aggiunge:"Io spero che un giorno aderisca anche Trump, ma è presto per dirlo". Il bracco destro di Steve Bannon annuncia che a marzo vi sarà un summit di capi di Stato, premier e leader di partiti populisti e puntualizza così lo scopo della sua iniziativa:"Noi vogliamo metterli insieme, fare rete. Dopotutto i globalisti hanno decine di luoghi di ritrovo, hanno Davos, le Nazioni Unite, l’Ue. Ai sovranisti manca quest’opportunità, noi vogliamo farli incontrare intorno a tre pilastri essenziali: più sovranità, controllo dei confini e dell’immigrazione, lotta all’islamismo radicale". Nell'Ue l'obiettivo a breve termine è un successo alle Europee di maggio. "Ottenere un quarto dei seggi, se riuscissimo a strapparne un terzo compiremmo un'impresa", conclude Modrikamen.

Tags

Commenti

Commenta anche tu