Rifiuti, Lombardia da record Nuovo stop alle altre Regioni

Rifiuti, Lombardia da record Nuovo stop alle altre Regioni
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Gennaio Gen 2019 10 giorni fa

Differenziata al 70%, recupero al 90%: dati da primato Emergenza romana? Cattaneo: «Noi né egoisti né fessi»

Meno rifiuti prodotti, più raccolta differenziata, che arriva a sfiorare il 70%. E un recupero complessivo che supera il 90%. L'assessore, Raffaele Cattaneo, sfida a trovare un'altra Regione europea così diligente. Certamente, a leggere i dati, non lo sono quelle Regioni che periodicamente chiedono un aiuto alla Lombardia per lo smaltimento. E adesso il Pirellone ha intenzione di ridurre questo «import» di rifiuti, attualmente al 18%, anche perché questo meccanismo ha l'effetto di aumentare i costi di smaltimento anche dei rifiuti locali. In più, i lombardi devono sorbirsi la lezione dei presunti «ambientalisti» che non vogliono realizzare i termovalorizzatori perché «fanno male», salvo poi usare quelli di altri territori. E allora «la Lombardia non è un ricettacolo di rifiuti. Non siamo egoisti ma non siamo neanche fessi» ha spiegato Cattaneo, a Palazzo Lombardia, a margine della presentazione dei nuovi dati di Arpa Lombardia e contenuti nel rapporto 2017.

Ed eccoli, i dati. La produzione di rifiuti solidi urbani è diminuita, nonostante l'incremento della popolazione lombarda, attestandosi a 4.684.043 tonnellate (-1.6% rispetto al 2016 e -9,51% rispetto al 2008). Quella pro capite è stata di 466,70 kg segnando un -1,8% rispetto ai 475,20 kg del 2016. La Lombardia è al di sotto sia della media nazionale che di quella del Nord Italia (-7,27%). Nella nostra regione (oltre 10 milioni di abitanti) si produce quasi il 16% del totale di rifiuti italiani. Notevoli anche i dati della raccolta differenziata: 3.262.786 tonnellate (il 69.7% del totale, +2,1 % rispetto al 2016). Ampiamente superato dunque il 65%, standard previsto dalla normativa statale. Giù del 6% i rifiuti indifferenziati. Medaglia d'oro a Mantova che fa registrare una differenziata pari all'86, 8% (+0,5%% rispetto al 2016). Argento a Cremona con il 78,2% (-0,2% rispetto al 2016) e bronzo a Varese con un 75,5% differenziata (+1 rispetto al 2016). «La Lombardia - ha commentato l'assessore Cattaneo - è un esempio di sistema efficiente e capace di essere autosufficiente rispetto alla gestione dei rifiuti prodotti, ha già raggiunto gli standard europei e rappresenta un esempio per tutto il Paese. Aspetto che non è scontato riscontrare tra le altre Regioni del nostro Paese che non solo non raggiungono le nostre performance, ma difettano anche di autonomia nello smaltimento.

Se si considera il 60% dei rifiuti destinato a recupero di materia, e il 30% «recuperato» sotto forma di energia scaturita dalla termovalorizzazione, il recupero totale si attesta oltre il 90%. E il Pirellone intanto contesta ad altre Regioni, (che peraltro non differenziano abbastanza e usano anche molto le discariche) di puntar tutto - almeno a parole - sul trattamento meccanico biologico, che comunque richiede uno smaltimento ulteriore.

Commenti

Commenta anche tu