Roma, arriva primo risarcimento per danni da buche

Roma, arriva primo risarcimento per danni da buche
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Gennaio Gen 2019 12 gennaio 2019

Un automobilista, rappresentato dal Codacons, ha ottenuto dal Comune di Roma un risarcimento di 760 euro per una gomma forata causata dalle buche

Finalmente il Comune di Roma paga i danni. Un automobilista, rappresentato dal Codacons, ha ottenuto un risarcimento di 760 euro per una gomma forata causata dalle buche.

La vicenda risale allo scorso 5 marzo quando l'uomo, in Via della Solfatara - Santa Palomba, all'altezza del KM 9 della Strada Provinciale SP 101/a, con la sua auto ha inevitabilmente 'preso' in pieno una buca presente sull'asfalto. Lungo la via non era presente nessun segnale stradale che avvertisse della presenza di questa buca che gli ha forato la gomma anteriore sinistra e danneggiando il cerchio in alluminio anteriore sinistro. La compagnia assicurativa ha riconosciuto alla 'vittima' un indennizzo di 760 euro, di cui 641 euro per i danni subiti e 119 euro per spese legali. Intanto va avanti la class action promossa dal Codacons dinanzi al Tribunale civile di Roma per far ottenere ai romani il risarcimento del danno da dissesto stradale. Il Comune della Capitale, dal canto suo, ha presentato una memoria difensiva che, secondo una nota del Codacons,"ha dell'incredibile."Nel documento il Campidoglio si arrende alle buche e afferma che, essendo il dissesto delle strade un fatto oramai noto e una caratteristica comune a tutto l'asfalto capitolino, il compito di evitarle spetta agli automobilisti che devono adottare comportamenti diligenti per non subire danni", fa sapere l'associazione di consumatori. In questa memoria, firmata dall'avvocato Andrea Camarda, si legge testualmente che:"La presenza su strade pubbliche di sconnessioni, avvallamenti e altre irregolarità non costituisce un evento straordinario ed eccezionale ma rappresenta, al contrario, una comune esperienza rientrante nell'Id quod plerumque accidit e, dunque, deve essere tenuta ben presente dagli utenti della strada, i quali hanno l'obbligo di comportarsi diligentemente per evitare pericoli a se o ad altri".

Tags

Commenti

Commenta anche tu