Tifosi indagati: anche il figlio del capo dei Boys

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Gennaio Gen 2019 12 gennaio 2019

Frutto delle indagini della Digos di Milano e dei colleghi di Napoli per gli scontri avvenuti in via Novara il 26 dicembre scorso, prima della partita tra l'Inter e il Napoli, durante i quali ha perso la vita Daniele Berardinelli, è l'iscrizione nel registro degli indagati da parte della Procura di Milano di 15 tifosi del Napoli. Ma non è finita qui. Finora i tifosi iscritti nel registro degli indagati a Milano sono 23, quindi tre persone sono in carcere - Marco Piovella, Francesco Baj e Simone Tira - e un altro tifoso, Luca Da Ros, è stato scarcerato dopo il contributo dato alla ricostruzione di quella serata nera del calcio.

Da quanto però si è appreso da fonti investigative, diversi ultrà interisti sarebbero stati contattati dalla questura per nominare un difensore di parte in vista dell'autopsia sul corpo di Belardinelli: fino a quando non sarà chiaro il numero degli indagati - e a tutti non sarà stato notificato quell'atto - infatti, non è possibile procedere per legge a esami irripetibili. Tra le persone contattate ci sarebbe anche Alessandro Caravita, il figlio di Franco, storico fondatore e capo dei Boys, una delle componenti più forti della curva nerazzurra.

RC

Commenti

Commenta anche tu