Concerti da "brivido" con strumenti di ghiaccio

Concerti da brivido con strumenti di ghiaccio
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Gennaio Gen 2019 13 gennaio 2019

«Live» all'Ice dome (200 posti) fino a marzo. Suonati violini e violoncelli scolpiti da Tim Linhart

Nato nel New Mexico, ha sempre preferito l'inverno che si è procurato in Europa, vivendo in tenda per molti anni, a zonzo per la Scandinavia. Una notte, nel silenzio iperboreo, ha ascoltato e capito: anche il ghiaccio emetteva suoni. Compattandosi, sciogliendosi. Quella è stata musica per le orecchie di Tim Linhart che oggi, in 36 anni di carriera come scultore, è un vero «Ice doctor» e ha deciso di inventarsi una seconda carriera come emulo di Stradivari e Guarnieri. Solo, un po' più al freddo. Per lui niente legno, solo ghiaccio. Sculture, oggetti: lui ha scolpito tanto, come non ci fosse un domani, o meglio, finché il sole non sciolga tutto. Ora è approdato, con la sua ultima sfida, sul ghiacciaio del Presena, quota 2.600 metri sopra le piste del Tonale. E ha risentito quella musica che ha deciso di «intrappolare» nelle sue nuove creature: sembra una fiaba dei Grimm o Andersen dove l'incantesimo di una fata, più o meno arrabbiata, congelava tutto. Lui, invece, da vita ai suoi strumenti scolpiti in puro ghiaccio italiano.

«Perché dice - se riuscire a far risuonare la cassa di un violino è un capolavoro dell'uomo, la musica che esce dal ghiaccio è celestiale e dal freddo l'anima si riscalda». Violini, violoncelli, mandolini, anche percussioni: «Tutto tranne i fiati», scherza lui. Lo scioglimento, immettendo la voce, sarebbe istantaneo. E invece il resto dell'orchestra resiste. «Servono 10°C, massimo 4°C, poi fa troppo caldo per lavorare». A dargli manforte è arrivato da Trento anche Nicola Segatta, compositore, musicista con studi in liuteria. Suo il primo cello su cui ha posato mani e fantasia Giovanni Sollima. Il musicista palermitano per l'overture di stagione si è chiuso in una bolla di plastica a 8° e - fra berretto e guanti che lasciavano liberi solo i polpastrelli - ha suonato Bach, Nirvana e composizioni sue e del collega trentino. Il cello ha incantato tutti: questa magia sarà il leit motiv di una prossima stagione musicale che per dirla con Vivaldi porterà quattro stagioni di musica in alta quota.

Fino al 30 marzo l'appuntamento è al passo Paradiso affacciato sul ghiacciaio: 10 minuti di ovovia e tre a piedi (in piano) e si potrà comodamente accomodarsi in teatro. L'Ice dome ca va sans dire è stato altrettanto scavato nel ghiaccio con una capienza di 200 posti e l'unica accortezza: che il pubblico non sieda troppo vicino all'orchestra. Ci sono volute oltre cinque settimane per scavare le sue tre cupole nel ghiaccio, intagliare cavea e golfo mistico e collaudare il tutto, con tanto di gatto delle nevi a passare sul tetto, a garanzia della stabilità. I concerti saranno delle matinée, alle 15 e 16.30 giovedì e domenica, alle 16 e alle 18 il sabato. Il giovedì spazio alla Ice orchestra «Lumiere» con 16 elementi e un cartellone che va dalla classica alla musica folk. Il loro disco «Shakespeare for dreamers» è giù un cult. Hanno già suonato alla Konzerthaus di Vienna e a Roma per la laurea honoris causa di Mario Draghi e collaborato con la Filarmonica di Trento. Il sabato i concerti puntano su band o solisti.

Il 19 gennaio la scena è tutta jazz con Mirko Pedrotti, mentre il 2 febbraio arriva il rock di Cristina Donà. Finale il 30 marzo con il ritorno in quota di Giovanni Sollima. Il dopo concerto? Spazio all'emozione di un ghiacciao perenne e alle lusinghe dei due rifugi in zona che oltre a cene corroboranti con sauna nel caso di capanna Presena - offrono anche possibilità di dormire in quota (Info www.pontedilegnotonale.com. Prezzi da 30 euro (impianti e concerto a 60 euro (con cena in quota).

Commenti

Commenta anche tu