Gilet gialli, 84mila sfilano in tutta la Francia. Numeri in crescita, violenze in diminuzione

Gilet gialli, 84mila sfilano in tutta la Francia. Numeri in crescita, violenze in diminuzione
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Gennaio Gen 2019 13 gennaio 2019

Presenze raddoppiate, solo piccoli gruppi si sono scontrati a Parigi e Bourges

Ai tentativi del governo francese di criminalizzare il movimento, ricondurlo a gruppi di violenti e delegittimarne le rivendicazioni, i gilet gialli rispondono con una partecipazione massiccia al nono fine settimana anti-Macron: 8mila presenze a Parigi, 84mila in tutto il Paese. Numeri in crescita e violenze in diminuzione.

Solo piccolissimi gruppi di facinorosi si sono scontrati ieri con la polizia nella capitale e a Bourges, dove i casseur sono entrati in azione al termine di una mobilitazione pacifica di 7mila persone. Siamo nel cuore della Francia, 250 chilometri a Sud di Parigi. Simbolo dell'esodo delle ricchezze e del lavoro a vantaggio della capitale e dei suoi sobborghi.

Qui si sono dati appuntamento i portavoce del movimento per chiedere le dimissioni del presidente della Repubblica e l'introduzione di una democrazia diretta; opzioni ignorate dal governo che tergiversa sul dibattito lanciato da Macron, che domani scriverà una lettera ai francesi. Si aprirà martedì e «non metterà in discussione quanto fatto in 19 mesi», fa sapere il portavoce dell'esecutivo.

L'onda gialla riprende corpo, raddoppia quasi le presenze e istituisce un proprio servizio d'ordine. Il tentativo di isolare i violenti è in parte riuscito. A Bourges, nominata capitale «rurale» dei gilet gialli, la situazione è degenerata intorno alle 17 malgrado i divieti e le decine di camionette che bloccavano l'accesso al centro: 400 facinorosi hanno puntato la zona off limits. Lacrimogeni e bottiglie lanciate dai casseur. Una trentina i fermi. Teppisti minoritari anche a Parigi: 156 i fermi nonostante l'autorizzazione ad arresti preventivi data ai 5mila poliziotti mobilitati (80mila in tutto il Paese).

Il corteo dei «giubbotti» nella capitale è partito dal ministero dell'Economia alle 11, da Bercy, stazionando alla Bastiglia per raggiungere infine Place de l'Etoile in cima agli Champs-Elysees. Qui sono iniziati i tafferugli. Qualche lacrimogeno. Incidenti circoscritti a cui le forze dell'ordine hanno risposto con idranti e proiettili di gomma: 2 feriti. «La polizia è con noi» scandivano fino a quel momento i gilet pacifici, insieme a «Liberate Christophe», l'ex pugile che sabato colpì due gendarmi, «Benalla in prigione!» (l'ex bodyguard del presidente, ndr) e il consueto «Macron dimettiti!».

Più di 6mila «giubbotti» anche a Bordeaux, contro i 4.600 dello scorso sabato. La capitale della Nuova Aquitania si conferma una delle roccaforti del movimento e in serata qui è scoppiata l'unica vera guerriglia urbana. L'altra fortezza è Tolosa. Oltre 5mila hanno marciato pacificamente prima che pochi facinorosi si scontrassero con la polizia. Mobilitazioni anche a Lille, Calais e soprattutto a Le Touquet davanti alla villa del presidente: nuovo guanto di sfida a Macron.

La sua dichiarazione sul «senso dello sforzo» che mancherebbe ai francesi aveva fatto infuriare molti: «I problemi che sta attraversando la nostra società - ha detto venerdì - sono dovuti al fatto che troppi nostri concittadini pensano di poter ottenere» qualcosa «senza sforzo». I gilet hanno reagito striscioni in mano: «Ti stiamo cercando a casa tua». Piazze piene anche a Nantes (3mila), 2.500 a Rouen, dove sono stati aggrediti dei giornalisti di LCI, 1.500 a Caen e Strasburgo, un migliaio a Nîmes e Nizza. Rispetto all'Arco di Trionfo saccheggiato l'8 dicembre, vetrine e negozi distrutti o la ruspa con cui hanno sfondato un ministero la settimana scorsa, meno violenze. «Solo» 244 fermi, 20 feriti lievi e il 54% dei francesi che continua a sostenere la protesta. Due mesi dopo l'inizio.

Commenti

Commenta anche tu