Battisti, Sansonetti: "Gli omicidi? Non ci sono prove"

Battisti, Sansonetti: Gli omicidi? Non ci sono prove
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Gennaio Gen 2019 14 gennaio 2019

Il direttore de Il dubbio Piero Sansonetti esprime su Twitter il suo disappunto per il clima di festa davanti alla notizia della cattura di Cesare Battisti "anche se non ci sono prove"...

"Tutti esultano per Cesare Battisti. Tutti sono felici che venga a marcire all'ergastolo. Che lasci il suo figlioletto brasiliano. Che paghi con la vita". Mentre tutti festeggiavano per la cattura del latitante, il direttore de Il dubbio Piero Sansonetti twittava il 'suo dispiacere'.

"Quasi nessuno sa di cosa è accusato. Nessuno conosce le prove: non ci sono", aggiunge denunciando il clima da tifo da stadio. "È un rito pagano: tutti fratelli intorno alla forca", conclude il 'comunista ultra-garantista'."Tutte e quattro le sentenze si fondano sulle accuse degli stessi pentiti. I quali sono gli esecutori dei delitti e hanno scontato due o tre anni di galera. Lo sconto è dovuto alle accuse a Battisti. Se questa è giustizia io sono Maradona", aggiunge rispondendo ai tweet di chi, invece, contesta le sue parole. E poco dopo ritwitta il pensiero del giornalista e massmediologo Claudio Velardi che si era spinto a scrivere: "#Battisti mi ispira sentimenti di umana pena, i nostri connazionali festanti mi fanno paura. Il loro modello continua a essere piazzale Loreto".

Commenti

Commenta anche tu