Firenze, stazione ostaggio dei pusher che spacciano in pieno giorno

Firenze, stazione ostaggio dei pusher che spacciano in pieno giorno
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Gennaio Gen 2019 14 gennaio 2019

La denuncia dei negozianti e dei residenti: il piazzale di fronte alla stazione ferroviaria di Firenze è oramai caduto sotto il controllo degli spacciatori, che non esitano ad aggredire le stesse forze dell’ordine per non essere disturbati durante i loro traffici illeciti

La situazione della piazza antistante la stazione ferroviaria di Santa Maria Novella a Firenze è oramai fuori controllo, e sono in molti a denunciare episodi di constante degrado e violenza.

La zona è finita sotto il controllo di numerosi pusher, prevalentemente africani, che arrivano a spacciare droga anche in pieno giorno, di fronte agli occhi di tutti.

Negozianti, baristi e residenti del posto continuano a segnalare alle forze dell’ordine incessanti via vai e scambi di merce illecita e denaro di natura difficilmente equivocabile, ma purtroppo nulla sembra riuscire ad arrestare il fenomeno. Le stesse autorità, in più di un’occasione, si sono trovate in pericolo.

Dopo aver “perso” il parco delle Cascine, area verde di Firenze tristemente nota per essere diventata luogo favorito dagli spacciatori, i criminali hanno fatto ritorno nel cuore della città toscana, e non intendono rinunciare alla loro postazione.

I pusher si trovano pertanto impegnati in una vera e propria operazione di presidio della piazza. Mentre alcuni si occupano di vendere le sostanze stupefacenti, altri rimangono ai margini, ma pronti ad intervenire nel caso qualcuno osasse interferire.

L’ultimo assalto contro gli uomini delle forze dell’ordine si è verificato questo fine settimana. Alcuni agenti di polizia del reparto antidegrado stavano effettuando un controllo della piazza della stazione, quando hanno notato uno spacciatore che stava cedendo della droga ad un cliente. I poliziotti sono subito intervenuti per fermare i due soggetti, ma hanno dovuto fare i conti con le agguerrite sentinelle, che hanno scatenato il caos. Urla, insulti, gesti rabbiosi e minacce.

In breve gli agenti si sono trovati circondati da numerosi malviventi, che hanno cominciato a strattonarli e spintonarli, decisi a metterli in fuga. A salvare gli uomini in divisa una pattuglia della polizia di Stato ed alcuni militari della brigata Folgore, che si trovavano nelle vicinanze.

Anche questi ultimi, tuttavia, sono stati aggrediti dai pusher.

Malgrado le enormi difficoltà, le autorità locali continueranno a pattugliare le aree considerate “sensibili”, nel tentativo di tutelare i cittadini ed i molti passanti che si trovano a transitare in un luogo tanto affollato come la principale stazione di Firenze. La situazione, tuttavia, è oramai giunta al limite.

Tags

Commenti

Commenta anche tu