Taranto, scoperto giro di prostituzione. Sacerdote agli arresti domiciliari

Taranto, scoperto giro di prostituzione. Sacerdote agli arresti domiciliari
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Gennaio Gen 2019 14 gennaio 2019

Lo sfruttamento riguardava ragazze dell’est Europa. A tenere le fila un gruppo di rumeni

Un giro di prostituzione di ragazze dell'Est Europa è stato scoperto dalla polizia a Taranto. A finire agli arresti domiciliari anche un sacerdote.
L'operazione ha coinvolto tre città: il capoluogo pugliese, Vibo Valentia (in Calabria) e Lodi (in Lombardia). Gli agenti hanno eseguito tredici ordinanze cautelari, di cui otto in carcere e cinque ai domiciliari, nei confronti di altrettante persone che a vario titolo sono ritenute responsabili di associazione a delinquere, sfruttamento, favoreggiamento, agevolazione della prostituzione ed estorsione. È emerso un sodalizio transnazionale dedito appunto allo sfruttamento della prostituzione ai danni di alcune giovani prevalentemente provenienti dall'Est Europa. Le donne erano costrette a vendere il proprio corpo per strada essendo sottoposte a protezione dietro il pagamento di somme di denaro. Le indagini sono scattate da un'operazione antiprostituzione nell'agosto del 2017 scattata in via Alberto Sordi a Taranto.
In particolare, alcune ragazze erano sotto il controllo di una donna di 30 anni di origine rumena, a sua volta prostituta, residente a Faggiano (piccolo centro del Tarantino). La 30enne era una sorta di 'testa di ponte' sul territorio. La 'madame' - nome dato all’operazione di polizia - era poi sorretta nella sua attività da altre quattro persone anche loro di origine rumena. Le ragazze - riporta la questura di Taranto - dovevano versare circa 400 euro a settimana per il 'posto letto' nell'abitazione della maitresse e per potersi prostituire nei luoghi assegnati senza correre rischi e senza alcuna ripercussione. La 30enne, oltre a coordinare e organizzare il giro delle giovani, assegnando i posti da occupare, provvedeva anche a creare rapporti con persone impiegate come autisti per raggiungere il 'posto di lavoro'.
Gli altri indagati, tutti italiani e residenti a Taranto, San Giorgio Jonico e Monteparano (due paesi in provincia di Taranto), la maggior parte destinatari della misura degli arresti domiciliari, rispondono esclusivamente di favoreggiamento e agevolazione della prostituzione, essendosi prestati - scrive ancora la questura - "in maniera continuativa e stabile a fornire assistenza alle prostitute". Uno di loro, portato in carcere, è ritenuto responsabile di aver organizzato un “giro” procurandosi appartamenti nel centro di Taranto, in pessime condizioni di manutenzione, e affittandoli a prezzi esorbitanti a prostitute e transessuali che lui stesso reperiva sul web". Gli immobili sono stati sottoposti tutti a sequestro preventivo.
Cosa ancor più grave, come dicevano, è che tra gli indagati finiti agli arresti domiciliari c’è anche un prete che avrebbe fornito assistenza alla “maitresse” che gestiva le ragazze.

Tags

Commenti

Commenta anche tu