Vigili "sconnessi": in servizio senza segnale radio

Vigili sconnessi: in servizio senza segnale radio
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Gennaio Gen 2019 8 giorni fa

Da ieri fuori uso la rete con cui gli agenti sono in collegamento con la centrale operativa

Fuori copertura. Succede a vigili che da ieri si sono trovati senza copertura radio in tutta la città, tranne che in centro. Da circa due mesi, infatti, il segnale radio con cui circa 1000 agenti al giorno sulle 24 ore impiegati in strada a dirigere il traffico, i motociclisti, i vigili di quartiere, i vari nuclei, sono in constante contatto con la centrale, ha iniziato a dare segnali altalenanti. Funzionando a giorni alterni e a macchia di leopardo.

Dal 20 dicembre - la denuncia degli agenti - la situazione è andata aggravandosi sempre più finché ieri è completamente implosa. Sembra che le schede dei ripetitori siano «collassate» e non trasmettano più, tranne che in centro. Un bel problema per i ghisa costretti a rimanere in comando per poter essere raggiungibili e a uscire per interventi «di basso profilo» e al buio cioè completamente irraggiungibili. Qualsiasi cosa succeda durante l'intervento, infatti, non sono in contatto con la centrale.

Da ieri ai comandi è stato distribuito un cellulare con un'app che lo fa funzionare come walkie talkie: si tratta di un solo telefono per tutto il comando, con i problemi connessi alla linea che è l'unica, e alla modalità di comunicazione. «Impossibile lavorare in questa maniera - attacca Daniele Vincini, segretario regionale del Sulpm - siamo costretti a rimanere in comando invece che presidiare il territorio, e quando veniamo chiamati per uscire lo facciamo a nostro rischio e pericolo. Invece che pensare al badge - attacca - l'amministrazione farebbe meglio ad occuparsi di ripristinare la copertura radio per gli agenti».

Eppure a quanto dice il Comune l'ultimo intervento di ammodernamento della rete radio risalirebbe al dicembre 2015 quando vennero stanziati 5 milioni di euro in tre anni «per la manutenzione, l'aggiornamento tecnologico e l'integrazione dell'infrastruttura digitale della rete radio della Polizia locale per il controllo del traffico e la sicurezza territorio». Il sistema di radiocomunicazione della Polizia locale fa parte della rete Tetra utilizzata dal Comune articolata in un nodo centrale, 21 postazioni di indirizzamento del segnale e 23 torri di trasmissione. Il sistema Tetra è utilizzato anche dalle Forze dell'ordine. I vigili dispongono di 1.900 apparati (1.350 radio portatili in dotazione agli agenti, 450 radio per i veicoli e 150 per le motociclette) collegati con la Centrale operativa di piazza Beccaria, in funzione 24 ore su 24. Il Comune dal 2015 ha la regia della gestione del sistema, che si basa sul nuovo standard «Tetra 2 over Ip».

Commenti

Commenta anche tu