Stare in forma dimezza il rischio d'infarto

Stare in forma dimezza il rischio d'infarto
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
17 Gennaio Gen 2019 17 gennaio 2019

Una ricerca ha scoperto come la scarsa forma fisica sia in grado di aumentare pericolosamente il rischio d'infarto: ecco i risultati di uno studio norvegese

Scoperto un altro fattore di rischio per l’infarto: si tratta della scarsa forma fisica. Il nuovo studio è stato effettuato dall’Università norvegese della scienza e della tecnologia, poi pubblicato dall’European Heart Journal: in base a questa ricerca - effettuata tra il 2006 e il 2008 - è stata misurata l’idoneità cardiorespiratoria di 4.527 tra uomini e donne. I soggetti sono stati formati da volontari che hanno preso parte all’indagine sulla salute denominata “Hunt3”, che ha selezionato la popolazione del Nord-Trøndelag. I partecipanti non soffrivano né di malattie cardiovascolari o ipertensione, né erano affetti da cancro, tanto che gran parte di essi erano considerati soggetti a basso rischio di malattie cardiovascolari nei successivi 10 anni. Tra i 4,527 soggetti, però, 147 hanno subito infarti o hanno sofferto di angina pectoris entro il 2017.

"Abbiamo riscontrato - spiega Bjarne Nes, che ha fatto parte del team di ricerca scandinavo - un forte legame tra maggiore attività di fitness e minor rischio di infarto e angina pectoris nei 9 anni successivi alle misurazioni effettuate. Persino tra le persone più fit, il 25% di chi ha gli indicatori migliori di forma fisica ha un rischio di infarto pari alla metà rispetto al 25% di coloro che sono meno fit”.

Una buona soluzione è quindi tenersi in forma per abbattere il rischio di attacco di cuore, magari a partire da un'attività fisica moderata, come passeggiate a passo veloce o brevi sgambate in bicicletta. Anche in città e durante i tragitti per le necessità quotidiane, come quelli verso o dal lavoro, o per le mille piccole faccende.

Tags

Commenti

Commenta anche tu