Dormire poco fa male alla produttività

Dormire poco fa male alla produttività
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
26 Gennaio Gen 2019 26 gennaio 2019

Il sonno influisce sulla produttività per molte ragioni: la principale è il fatto che sia legato a un fenomeno chiamato social jet-lag e coinvolge tutte le persone

Che il sonno sia una necessità dell’organismo di ogni animale compreso l’uomo è da sempre assodato. Ma ora spunta un dato importante: il sonno è connesso all’economia, perché dormire poco più penalizzare pesantemente la produttività.

A dirlo è uno studio della Rand Corporation: ore insufficienti e sonno disturbato costano al Regno Unito 50 miliardi di sterline, cioè l’1,9% del Pil. Il modo in cui sonno e produttività sono connessi ha infatti a che vedere con l’attenzione e la coordinazione, l’emotività e sul lungo periodo anche il potenziale insorgere di malattie. Il discrimine comunque non sono le ore in cui si dorme, ma la regolarità del sonno in base al proprio cronotipo - cioè la "preferenza" o meglio la tendenza biologica di ogni organismo a essere vigile in determinate ore della giornata.

Questa connessione è tanto importante che si è dato anche un nome al disturbo a essa legato: social jet-lag. Quando le persone vengono disturbate dagli eventi nelle proprie abitudini per quanto riguarda la nanna, si innesca qualcosa di molto simile al jet-lag, il disturbo che le persone hanno quando viaggiano in aereo, attraversando vari fusi orari e quindi alterando i ritmi sonno-veglia in base alle ore di sole e di oscurità. Tra le malattie sviluppabili a lungo termine, a causa del social jet-lag ci sono il diabete, l’obesità, la depressione e le malattie cardiache. Due terzi delle persone sperimentano durante la settimana almeno un’ora di social jet-lag, mentre gli altri superano le due ore. Uno dei consigli più comuni è evitare computer, tablet e smartphone prima di andare a dormire.

Tags

Commenti

Commenta anche tu