Rifiuti abbandonati, nei guai imprenditore cinese

Rifiuti abbandonati, nei guai imprenditore cinese
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
28 Gennaio Gen 2019 28 gennaio 2019

L'operazione dei carabinieri a Terzigno, in provincia di Napoli. Denunciato un 59enne asiatico

Rifiuti smaltiti senza il rispetto delle normative, finisce nei guai un imprenditore di nazionalità cinese a Terzigno, in provincia di Napoli.

Sono stati i carabinieri della locale stazione, insieme ai colleghi del Gruppo Tutela del Lavoro di Napoli che hanno portato a segno un’altra operazione a tutela dell’ambiente per il rispetto delle regole ambientali imposte agli opifici per il regolare smaltimento delle produzioni di risulta dei processi artigianali e industriali.

I militari, nell’ambito dei controlli che ormai da tempo li tengono impegnati in tutta la fascia territoriale dell’hinterland partenopeo, hanno sottoposto a controlli di routine un laboratorio tessile di Terzigno. L’attività, gestita da un cittadino asiatico di nazionalità cinese, è risultata inadempiente agli obblighi imposti proprio per lo smaltimento dei rifiuti. I carabinieri, infatti, hanno rinvenuto ben sessanta sacchi pieni scarti tessili accastati alla rinfusa proprio all’esterno dell’opificio e abbandonati. Senza, dunque, che venissero rispettate le normative stringenti previste dalle leggi in materia di rifiuti.

Per l’uomo, dunque, è scattata la denuncia. Risponde dell’accusa di smaltimento illegale di rifiuti. È stata inoltre imposto il provvedimento di sospensione dell’attività a causa della presenza dei sacchi di spazzatura rinvenuti nei pressi dell'opificio.

Tags

Commenti

Commenta anche tu