Allenamento: cosa non sottovalutare prima e dopo l'esercizio fisico

Allenamento: cosa non sottovalutare prima e dopo l'esercizio fisico
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
31 Gennaio Gen 2019 31 gennaio 2019

Per un corretto allenamento non bisogna sottovalutare alcuni comportamenti da effettuare prima e dopo l'esercizio. Ecco quali sono i più importanti

L'allenamento e in generale esercizio fisico costante nel tempo sono un toccasana per la salute: permettono non solo di perdere peso, se ce n'è bisogno, ma sono anche in grado di riequilibrare l'organismo se effettuati in modo corretto. Subito dopo la ginnastica, che sia in palestra o all’aperto, è importante effettuare alcuni piccoli gesti: infatti, senza questi semplici ma fondamentali comportamenti , aiutano a recuperare le energie e a riportare il fisico allo stato migliore.

Per quanto possa sembrare scontato, l’idratazione nella fase post-esercizio è importantissima. L’acqua persa durante l’esercizio va subito reintegrata, in modo da tornare a supportare tutte le funzioni metaboliche del corpo umano. Sali ed elettroliti persi attraverso il sudore possono essere facilmente riacquisiti, evitando possibilmente di assumerli attraverso bibite che contengono troppi zuccheri.

Anche l'alimentazione assume un ruolo di primo piano quando si tratta di allenamento. Quando si tratta di cibo, meglio privilegiare le proteine, anche in forma di snack, accompagnate da quantità limitate e bilanciate di carboidrati provenienti da alimenti minimamente processati e grassi sani. Il concetto base è quello di fornire nuovo carburante al corpo, il più sano e bilanciato possibile.

Un aiuto più diretto alle masse muscolari arriva invece dallo stretching: rilassare i muscoli e consentire un recupero della forma ottimale serve anche a rinforzarne la struttura e a evitare i fastidiosissimi e dolorosi crampi. Ovviamente, l’allungamento è necessario anche prima dell’attività, quando è necessario riscaldare il fisico per affrontare lo sforzo.

Ultimo ma non meno importante è l’ascolto del proprio corpo. Se ci si sente troppo stanchi meglio fermarsi e dedicare una maggior quantità di tempo al recupero. Saltare un allenamento o due, se si è spossati o si percepiscono dolori osteoarticolari, non va preso come un fallimento. I tempi di recupero sono soggettivi e ridurli per cercare di arrivare prima all’obiettivo non farà altro che allontanarlo di più.

Tags

Commenti

Commenta anche tu