Autovelox intelligenti: così beccano i furbetti della doppia fila

Autovelox intelligenti: così beccano i furbetti della doppia fila
Inside Over
3 Febbraio Feb 2019 03 febbraio 2019

Il presidente della commissione Trasporti Enrico Stefàno annuncia su Facebook l'arrivo degli autovelox intelligenti. Un altro modo del Comune per far "cassa", mascherato dal nobile intento di salvare vite

"La sicurezza stradale è in cima alle nostre priorità e, grazie all' assestamento di bilancio votato a luglio scorso, nel giro di poche settimane la Polizia Locale Roma Capitale potrà utilizzare nuovi autovelox intelligenti, che serviranno anche a sanzionare le soste in doppia fila". Il temuto annuncio arriva via Facebook dal presidente della commissione Trasporti Enrico Stefàno.

"Questi dispositivi - continua Stefàno- vanno ad aggiungersi agli street control, utilizzati a bordo delle auto dei nostri vigili urbani proprio per colpire le auto che parcheggiano in doppia fila, davanti ai cassonetti o alle fermate dei mezzi del trasporto pubblico". Ed è così che, secondo il grillino, si otterrà "maggiore fluidificazione del traffico e aumento della sicurezza stradale da una parte; limitazioni al traffico con il nuovo regolamento per i bus turistici, e le riforme della sosta tariffata e ztl, corsie preferenziali riservate al trasporto pubblico e maggiore controllo delle aree pedonali dall' altra". E a chi lo critica, risponde così: "Qualcuno definisce queste misure 'fare cassa', io preferisco definirle 'salvare vite' ". I dubbi dei romani trovano, però, delle conferme davanti ai dati. Sono 250 mila le multe staccate nei primi 9 mesi del 2018 per auto in sosta vietata o in doppia fila che portano alle casse del Comune circa 20 milioni di euro (+25% all'anno scorso).

Tags

Commenti

Commenta anche tu