Mestre, romeno armato di coltello tiene in ostaggio e ferisce 61enne

Mestre, romeno armato di coltello tiene in ostaggio e ferisce 61enne
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
5 Febbraio Feb 2019 05 febbraio 2019

L’episodio si è verificato nel pomeriggio di ieri: terrore ed impotenza tra i passanti, minacciati anch’essi dallo straniero. Provvidenziale l’intervento dei carabinieri

Grande paura nel pomeriggio di ieri a Mestre, per la precisione in Piazzale donatori di sangue, a causa dell’aggressione da parte di un uomo di nazionalità rumena ai danni di un italiano di 61 anni.

Lo straniero, un 27enne pluripregiudicato, ha prima gettato a terra con violenza la sua vittima per poi prenderla in ostaggio. Puntando un coltello dalla lunga lama al collo di quest’ultimo, l’aggressore si faceva strada tra i numerosi passanti, che stavano assistendo alla scena terrorizzati e totalmente impotenti. Lo straniero, infatti, minacciava di uccidere il 61enne nel caso in cui chiunque avesse tentato di avvicinarsi a lui, e per rendere più chiaro il messaggio rivolgeva la punta dell’arma verso i presenti prima di riportarla nuovamente al collo dell’ostaggio.

In preda ad un vero e proprio raptus di follìa, il 27enne ha continuato a sbraitare ed a minacciare chiunque, arrivando a portare la lama del coltello all’altezza del volto del 61enne fino a ferirlo in più parti sulla fronte.

Fortunatamente nel frattempo qualcuno aveva inoltrato una richiesta d’aiuto alle forze dell’ordine, spiegando la drammatica situazione ed indicando il luogo dell’aggressione.

Sul posto sono giunte in breve due pattuglie del nucleo operativo e radiomobile dei carabinieri di Mestre. I militari hanno coordinato alla perfezione un intervento diversivo per distrarre il rumeno e nel contempo sono intervenuti per disarmarlo ed immobilizzarlo a terra. L’arma che brandiva il 27enne è stata sottoposta a sequestro, mentre il facinoroso è finito in manette. Due uomini dell’Arma sono rimasti lievemente feriti nella colluttazione per avere la meglio sull’aggressore mentre il 61enne, sotto choc, è stato preso in carico da un ambulanza del 118. A causa delle ferite riportate, quest’ultimo è stato ricoverato in ospedale, dove per precauzione verrà tenuto sotto osservazione.

Lo straniero, accusato di violenza privata, minacce, lesioni gravi e resistenza a pubblico ufficiale, si trova dietro le sbarre del carcere Santa Maria Maggiore di Venezia in attesa del giudizio direttissimo.

Tags

Commenti

Commenta anche tu