"Mi hanno fatto nascere senza il mio consenso". E fa causa ai genitori

Mi hanno fatto nascere senza il mio consenso. E fa causa ai genitori
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
5 Febbraio Feb 2019 05 febbraio 2019

Un 27enne indiano, sostenitore della causa degli antinatalisti, vuole fare causa contro i genitori

Un ragazzo di 27 anni ha dichiarato di voler far causa ai propri genitori perché lo hanno fatto nascere contro il suo consenso. Surreale, paradossale e assurdo. Già, ma è il "nonsense" sostenuto Raphael Samuel, un giovane avvocato indiano che non aspetta altro che portare la madre e il padre in un'aula di tribunale.

"Non hanno chiesto il mio consenso quando mi hanno fatto nascere e hanno anteposto la loro felicità ai miei diritti", protesta il 27enne, sostenitore in prima linea della folle causa degli antinatalisti, secondo i quali i genitori non avrebbero il diritto di mettere al mondo una creatura senza il consenso del diretto interessato. Come chiederglielo, però, rimane un mistero...

La cosa ulteriormente strana è che il legale racconta di avere un ottimo rapporto con loro: "Li amo, ma so che mi hanno messo al mondo per la loro felicità. La mia vita è fantastica, ma non vedo perché dovrei dare la vita a qualcuno costringendolo a farsi un'istruzione, a cercare un lavoro e a pagare le tasse, senza che mi sia stato dato un permesso dal diretto interessato", le parole dell'antinatalista riportate anche dal britannico Mirror.

Commenti

Commenta anche tu