Metteva di proposito capelli nel piatto per non pagare il conto

Metteva di proposito capelli nel piatto per non pagare il conto
Inside Over
6 Febbraio Feb 2019 06 febbraio 2019

Due donne sono state riprese mentre tentano di mettere in atto una truffa per non pagare il conto. Una delle due si strappava i capelli e li posizionava sulla pizza

Trovare dei capelli nel piatto appena servito è uno dei problemi più fastidiosi che possono capitare in un ristorante o pub; e quando accade, poi, la lamentela è d'obbligo, seguita da doverose scuse da parte del personale. Spesso questo disservizio è ripagato con il rimborso o un nuovo pasto offerto. Ma, la correttezza è richiesta da ambo le parti e se il cliente mette in atto delle truffe per non pagare il conto, ciò deve essere smascherato e punito.

Questo è proprio quello che è successo in un pub a Sunderland - The Peacock - il 21 gennaio scorso. Due donne sono state riprese dalle telecamere a circuito chiuso del locale mentre una delle due si strappava capelli e li posizionava sulla pizza che le era stata servita. Subito dopo, l'altra morde spezzando un capello a metà e lo riposiziona meglio sotto i condimenti prima di continuare a parlare nuovamente con l'amica come se nulla fosse successo.

Il personale del locale si è prontamente scusato per l'increscioso inconveniente. Quando però si sono accorti che i capelli non corrispondevano e quelli del personale presente in quel momento, hanno iniziato a sospettare che dietro ci fosse il chiaro intento di non pagare il conto da 7 sterline, poco meno di 8 euro. Ovviamente sono state controllate le riprese del sistema a circuito chiuso e tutto è diventato più chiaro e la truffa è stata svelata.

La Pub Culture Ltd, proprietaria del locale, tramite il direttore operativo Joe Smith, ha dichiarato: "La nostra prima reazione alla denuncia è stata una sorpresa, poiché siamo una squadra di perfezionisti. Non avresti mai il sospetto che qualcuno sarebbe abbastanza malizioso da fare qualcosa del genere. Naturalmente, abbiamo pensato che fossero sincere, ho offerto le mie sincere scuse e ho cercato di offrire alle donne un rimborso e bevande gratuite, oltre a indagare sulla denuncia. La regola d'oro per un grande servizio è quella di mettere al primo posto il cliente, che è esattamente ciò che abbiamo fatto."

Grande rammarico, dunque, nelle parole del direttore operativo che ha continuato aggiungendo: "Era chiaro che i capelli sulla pizza avevano un colore completamente diverso da quello dei membri dello staff di turno. Il nostro staff è andato in ufficio per controllare la CCTV - telecamere a circuito chiuso - e non poteva credere a ciò che vedeva. È scioccante che le persone in realtà cerchino di fare truffe come questa, che potrebbero essere così dannose per un'azienda locale che sta lavorando duramente per offrire una proposta di alta qualità alle persone in città. Pub Culture è orgogliosa dell'approccio familiare, dell'ottimo cibo e dei prezzi equi. È così deludente che la gente possa cadere così in basso da tirare fuori una tale prodezza cinica per risparmiare denaro su una pizza da 7 sterline. Trovo incredibile - conclude - che le persone siano disposte a fare di tutto per ottenere un drink gratuito." Stupore, delusione e incredulità nelle dichiarazioni del direttore e in tutti coloro i quali mettono l'onestà al primo posto tra i valori fondanti di una persona.

Tags

Commenti

Commenta anche tu