Cina e Usa collaborano alla nascita del pediatra di intelligenza artificiale

Cina e Usa collaborano alla nascita del pediatra di intelligenza artificiale
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Febbraio Feb 2019 12 febbraio 2019

Il programma ha riconosciuto i sintomi di alcune malattie pediatriche e svolto diagnosi accurate

I robot arrivano anche nel reparto di pediatria. In Cina è stato testato un modello di Intelligenza Artificiale, con la collaborazione degli scienziati americani, che si è dimostrato in grado di diagnosticare con elevata precisione, paragonabile a quella di pediatri esperti, alcune malattie infantili molto comuni.

Questo risultato, reso noto da uno studio dell'University of California di San Diego negli Stati Uniti e pubblicato online su Nature Medicine, dimostra che l'incremento delle applicazioni in medicina di modelli di Intelligenza Artificiale è giustificato. Il programma, infatti, può essere usato per aiutare i medici ad affrontare le innumerevoli quantità di dati e informazioni, sempre più complesse e numerose, offrendo loro supporto in caso di incertezza della diagnosi o in caso di stanchezza, come capita nei turni di notte.

Il pediatra robot è in grado di elaborare il linguaggio naturale e usare identificare informazioni clinicamente rilevanti, grazie alle tecniche di apprendimento, inserite nel suo circuito. Il programma, messo a punto da studiosi americani e cinesi, può incrociare i dati che possiede con quelli di cartelle cliniche precedenti e portare alla luce associazioni prima non individuate, aiutando così il medico nella diagnosi. Per "addestrare" il pediatra artificiale, sono stati analizzati 101,6 milioni di dati, risultati di quasi un miliardo e mezzo di visite ai pazienti.

Il programma ha dimostrato di essere in grado di riconoscere i sintomi delle malattie più comuni, ma anche quelli potenzialmente letali. Per questo, una buona applicazione del pediatra artificiale potrebbe essere quella della prima assistenza ai pazienti, dove si dividono i bambini in urgenze e non.

Tags

Commenti

Commenta anche tu