Foligno, i genitori dei bambini "Il maestro l'ha chiamata scimmia"

Foligno, i genitori dei bambini Il maestro l'ha chiamata scimmia
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
22 Febbraio Feb 2019 26 giorni fa

Il maestro aveva messo all'angolo i due bambini, fratello e sorella, perché "troppo brutti". Intanto i genitori hanno sporto querela

"Quello non era un esperimento". Dice così il papà dei due bambini nigeriani messi all'angolo dal maestro della scuola elementare di Foligno, perché "troppo brutti" per essere guardati.

Ma il maestro non si è fermato a questo, tanto che alla sorellina avrebbe addirittura detto: "Sei così brutta che possiamo chiamarti scimmia". Nessun esperimento sociale, ma un episodio di razzismo e discriminazione è quanto affermano con forza i genitori dei due bambini, assistiti dall'avvocato Silvia Tomassoni. Non è vero, infatti, che i piccoli, né i loro genitori sono stati informati prima dell'avvio del presunto esperimento e tanto meno lo era stata la dirigente scolastica. A seguito della vicenda, il Miur ha deciso di sospendere dal servizio l'insegnante, in via cautelare.

Nel frattempo, i genitori dei due bimbi, hanno deciso di sporgere una querela nei confronti del maestro e questa mattina hanno depositato la denuncia in procura a Spoleto. "Faccia di tutto perché episodi del genere a scuola non avvengano mai più": è la richiesta del papà dei piccoli.

Tags

Commenti

Commenta anche tu