La musica corre in aiuto dei ragazzi con autismo

 La musica corre in aiuto dei ragazzi con autismo
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
26 Febbraio Feb 2019 24 giorni fa

Medici e musicisti aiutano nell’orientamento alla professione

La musica può aiutare i ragazzi con autismo nella professione del futuro. Studiare musica infatti riuscirebbe a stimolare la memoria e l’orecchio musicale. E quale luogo migliore se non il conservatorio? Il progetto del Conservatorio Santa Cecilia di Roma ha proprio come idea di accostare docenti di musica a medici. Già in passato il conservatorio Santa Cecilia si è occupato di progetti sociali, come per esempio concerti per ospedali e centri di ricerca. L’ultimo riguarda i ragazzi autistici, in particolar modo i giovani con un'età compresa tra i 18 e i 35 anni. Il progetto è rivolto a questa fascia proprio perché meno considerata e abbandonata a se stessa. Dai 18 anni in su l’inserimento nella vita sociale e soprattutto in quella lavorativa riscontra maggiori problemi.

Il direttore del conservatorio, Roberto Giuliani, ha così spiegato l’iniziativa “Nelle nostre classi avevamo ammesso già due ragazzi con sindrome di Asperger e abbiamo ritenuto che per valorizzare le loro capacità fosse necessario interfacciarsi con i medici. Abbiamo pensato di mettere insieme questi due lati della medaglia”. Da qui nasce il progetto “Recercare a mente”, in collaborazione con la Fondazione Exodus. Gli studenti con autismo potranno per un periodo lungo dieci mesi frequentare delle lezioni sia collettive che individuali di canto, strumento, accordatura e composizione. Per avere un’offerta didattica completa e variegata da offrire ai ragazzi, i docenti lavoreranno fianco a fianco con psicologi e neuropsichiatri.

Come ha sottolineato Giuliani spesso questi ragazzi “Hanno forte memoria, senso del ritmo e quello che chiamiamo orecchio assoluto ovvero la capacità di riconoscere perfettamente l’altezza di una nota: è un caso emblematico di quello che chiamiamo diverse abilità”. L’obiettivo finale è quello di riuscire a valorizzare queste particolarità e poter dare così ai ragazzi la possibilità di fare del loro dono una futura professione.

Tags

Commenti

Commenta anche tu