Tav, spunta il dossier segreto: "Perché Di Maio vuol dire sì". Ma 5S: "Giocano sporco"

Tav, spunta il dossier segreto: Perché Di Maio vuol dire sì. Ma 5S: Giocano sporco
Inside Over
2 Marzo Mar 2019 02 marzo 2019

Il vicepremier Luigi Di Maio si è convinto ad attuare la svolta dopo aver visto l'esito di un sondaggio riservato che indica come il 70% degli elettori grillini sia favorevole alla Tav

Contrordine: il popolo grillino è favorevole alla Tav. La svolta che il vicepremier Luigi Di Maio vuole imprimere riguardo a questo annoso dossier che sta dividendo il governo e l'M5S sarebbe dettata da un sondaggio che non lascia alcun dubbio.

Il 70% degli elettori grillini vuole la Tav. Di Maio, si legge sul Corriere della Sera che riporta questa indiscrezione, si sarebbe convinto a cambiare idea per migliorare i rapporti col mondo produttivo, per riallacciare i legami col Vaticano e con le altre potenze europee. "E stavolta non si torna indietro", avrebbe assicurato il vicepremier che stavolta non intende affidarsi al giudizio della base, come avvenuto con il voto online sulla piattaforma Rousseau per la richiesta di autorizzazione a procedere su Matteo Salvini. Di Maio intende non rischiare e si assumerà tutte le responsabilità anche perché l'altro vicepremier è irremovibile. "Non sono disponibile a bloccare l’opera", gli avrebbe detto Salvini l’altra sera a cena secondo la ricostruzione del Corriere. Una svolta, quella sulla Tav, che in un certo qual modo 'incastra' anche il leader della Lega che non potrà aprire una crisi sfruttando le divisioni su questo tema e, quindi, il governo gialloverde sembra destinato a proseguire anche dopo le Europee. Ciò significa che il governo Conte dovrà scrivere anche la prossima manovra finanziaria, con tutti i rischi connessi a un crollo di consensi anche per la Lega.

Dalla Camera arriva la smentita del M5S che considera la notizia priva "di ogni fondamento" e non corrispondente al vero"visto che il MoVimento 5 Stelle non è in possesso di alcun sondaggio interno sul Tav con quei dati". "I sondaggi che abbiamo visionato noi a febbraio - prosegue la nota - danno i due terzi degli elettori del MoVimento 5 Stelle contrari al Tav. Dati confermati, fra l'altro, da un sondaggio di Demopolis per Otto e Mezzo (LA7) in cui gli elettori del MoVimento favorevoli sono appena il 18%. In linea con altri sondaggi meno recenti di altri istituti (fra cui Swg) che confermano l'assoluta contrarietà al Tavdell'elettorato 5 Stelle. Cioè l'opposto di quello che si sta diffondendo sui media. A che gioco sporco si sta giocando?", conclude la nota. Anche Davide Casaleggio mette la parola fine sulla vicenda Tav:"Penso - dice- che la base abbia sempre espresso la propria opinione in modo univoco su questo tema. Credo che il tema Tav sia già stato dibattuto anni e anni con gli iscritti e mi sembra che la soluzione e il punto di arrivo sia sempre stato lo stesso". Infine sulla questione Tav è intervenuto anche il ministro alla P.A., Giulia Bongiorno che all'Intervista di Maria Latella su Sky Tg24 ha affermato: "Sulla Tav ci sono sensibilità diverse tra Lega e Cinque Stelle. La prossima settimana faremo una sintesi finale. Sono fiduciosa".

Tags

Commenti

Commenta anche tu