Dermatologi: nuove norme sulle creme solari

Dermatologi: nuove norme sulle creme solari
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
4 Marzo Mar 2019 18 giorni fa

Nuove norme negli Stati Uniti per le creme solari, ma i dermatologi chiedono più attenzione, soprattutto in relazione alle etichette: ecco cosa sta accadendo anche in Europa

Più sicurezza per le creme solari, negli Stati Uniti come in Europa e quindi in Italia.

I dermatologi italiani lanciano un appello, a seguito delle nuove norme rilasciate dalla Food and Drug Administration, che negli Stati Uniti ha rinnovato le regole precedentemente ferme a trenta anni fa. Queste nuove norme assomigliano molto a quelle italiane vigenti.

Come riporta Adnkronos Salute, è arrivato quindi il bando per due molecole contenute nelle creme solari, cioè paba e salicilato di trolamina. Altre 12 molecole attualmente autorizzate saranno però sottoposte ad approfondimenti per testarne l'eventuale tossicità. Hanno superato i test invece ossido di zinco e biossido di titanio. L’ente statunitense afferma anche che le sostanze come gel, lozioni, spray, oli, pomate, unguenti, paste e stick non possono essere chiamate antisolari, mentre possono esserlo saponi, salviette e shampoo.

Naturalmente è fondamentale che le etichette siano chiare e di facile comprensione: vanno indicati i filtri solari presenti al loro interno e la resistenza all’acqua che assicurano, mentre deve essere esplicitato che i prodotti antisolari non prevengono i tumori della pelle se non si prende la tintarella in maniera adeguata.

"Le nuove misure di protezione adottate negli Stati Uniti devono essere di esempio - commenta Piergiacomo Calzavara Pinton, presidente della Società italiana di dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle malattie sessualmente trasmesse (Sidemast) - Come società scientifica attiva nella prevenzione dei tumori della pelle possiamo solo auspicare che anche le autorità europee adeguino la normativa esistente nel vecchio continente per rendere i prodotti più sicuri e il consumatore più consapevole nella scelta e nell'uso delle lozioni antisolari".

Tags

Commenti

Commenta anche tu