Insalata in busta: cosa si nasconde dentro? La ricerca italiana

Insalata in busta: cosa si nasconde dentro? La ricerca italiana
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
4 Marzo Mar 2019 04 marzo 2019

Secondo uno studio condotto presso l'Università di Torino essa sarebbe un ricettacolo di batteri

Pratica e salutare, l'insalata è uno dei contorni prediletti dagli italiani che preferiscono acquistarla al supermercato già tagliata e confezionata in busta nonostante i rischi che ciò comporta. Risale infatti a qualche mese fa una ricerca condotta in Germania da un team di scienziati guidati dal professore Kornelia Smalla del Julius Kühn Institute (JKI) secondo la quale sarebbero stati individuati nell'insalata batteri - presenti anche nel letame, nel suolo, nei fanghi di depurazione e nei corpi idrici - resistenti agli antibiotici. Questa scoperta sarebbe avvalorata ora da un ulteriore studio dell'Università di Torino. Non solo, dunque, le buste di plastica utilizzate sono nemiche dell'ambiente ma esse, strasformandosi in un vero e proprio ricettacolo di batteri, provocherebbero un repentino e facile deterioramento anche prima della data di scadenza indicata sulla confezione. Non essendoci conservanti, la freschezza è garantita esclusivamente dalle basse temperature e dalla stessa busta.

Durante tutto il percorso, dal confezionamento fino alla vendita nei supermercati, sarebbe ottimale conservare l'insalata ad una temperatura costante al di sotto degli 8 gradi centigradi. Purtroppo questa è una condizione che non sempre si verifica, basti pensare al fatto che i banchi refrigerati degli esercizi commerciali non mantengono una temperatura uniforme, esattamente come i frigoriferi ad uso domestico. Inoltre secondo l'indagine torinese le insalate - prima di essere confezionate - vengono lavate due volte in vasche speciali a ricambio d'acqua continuo, ma tale procedura non è in grado di eliminare tutti i batteri. Essi, infatti, al minimo innalzamento della temperatura si moltiplicano e attivano un processo di fermentazione che fa gonfiare i sacchetti. Per questo motivo è bene non acquistare buste gonfie anche se non sono scadute. Pur non essendo tutti i microrganismi presenti nelle insalate pericolosi, un'eccezione va fatta per il Toxoplasma gondii responsabile della toxoplasmosi, malattia parassitaria rischiosa in gravidanza.

Sul caso è intervenuta Confindustria Unione Italiana Food Gruppo IV Gamma che precisa alcuni punti di questa vicenda: "L’Università di Torino non ha pubblicato di recente nessuna ricerca sulle insalate in busta di IV Gamma. La ricerca citata risale al 2012 ed è già stata confutata puntualmente all’epoca; Nel 2015 è entrata in vigore una nuova normativa in materia di produzione, confezionamento e commercializzazione contenente una serie di parametri vincolanti sulla sicurezza alimentare e sulla qualità che devono essere rispettati nel ciclo produttivo e nella distribuzione dei prodotti di Quarta Gamma; La sicurezza dei prodotti di IV gamma è garantita dai numerosi controlli che vengono effettuati lungo tutta la filiera produttiva e che i tempi che intercorrono tra la raccolta, la lavorazione e la vendita sono molto brevi affinché venga garantita la freschezza del prodotto".

Tags

Commenti

Commenta anche tu