Napoli, porta della droga al marito detenuto in carcere: arrestata 34enne

Napoli, porta della droga al marito detenuto in carcere: arrestata 34enne
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
7 Marzo Mar 2019 15 giorni fa

Una donna di 34 anni è stata tratta in arresto mentre si trovava all'interno del carcere di Poggioreale a Napoli: è accusata di spaccio per aver tentato di portare della droga al marito detenuto nascondendola in un pacco alimentare

Un particolare episodio di spaccio di sostanze stupefacenti si è verificato oggi a Napoli. La protagonista della vicenda è una donna di 34 anni che ha provato ad introdurre della droga all'interno del noto carcere della città. La 34enne è, infatti, sposata con uomo che è detenuto nel carcere di Poggioreale a Napoli, e proprio al marito voleva far arrivare un telefono cellulare e della droga, impossibili da reperire all'interno di un penitenziario. Per questo, voleva farseli consegnare dalla moglie, che ha aveva pensato di nascondere il tutto all'interno di un pacco alimentare, convinta che fosse un ottimo nascondiglio e che non avrebbe destato sospetti.

La donna è stata fermata dagli agenti della Polizia Penitenziaria mentre si recava in visita al marito all'interno del carcere di Napoli, dove è stata stata trovata con un pacco contenente prodotti non consentiti e tra l'altro anche illegali. La 34enne aveva, infatti, nascosto ben 300 grammi di droga, hashish nello specifico, e un telefono cellulare all'interno di un pacco alimentare, in mezzo a prosciutti, formaggi e altri cibi. Con questo strategemma credeva di poter aggirare i controlli degli agenti e di riuscire così a recapitare le sostanze stupefacenti e il telefonino al marito detenuto.

Le cose, però, non sono andate come aveva pianificato, dal momento che è stata scoperta dagli agenti poco prima del colloquio e per questo motivo è finita in manette. L' accusa nei suoi confronti è di spaccio di sostanze stupefacenti all'interno di pubblici uffici e introduzione di generi non consentiti.

Tags

Commenti

Commenta anche tu