8 marzo 2019: il CD compie 40 anni

8 marzo 2019: il CD compie 40 anni
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
8 Marzo Mar 2019 17 giorni fa

Sono passati 40 anni da quell'8 marzo 1979, quando il primo compact disc vide la luce, rivoluzionando l'ascolto e la memorizzazione digitale

Un 2019 ricco di eventi e appuntamenti quello che vede celebrazioni quasi quotidiane, come i primi 40 anni del CD. L'azienda olandese Philips scelse proprio la data dell' 8 marzo 1979 per presentare e celebrare la nascita del primissimo CD, il nuovissimo compact disc pronto a sconvolgere il rituale dell'ascolto e della memorizzazione digitale. L'idea venne alla società stessa che, sin dal 1975, stava collaborando con la nipponica Sony per creare un supporto digitale innovativo. Il primo disco ottico creato misurava 11,5 centimetri ed era compatibile con uno specifico lettore audio per l'ascolto. Il progetto sinergico con la Sony spinse all'aumento del diametro raggiungendo i 12 centimentri ufficiali, partorendo Il 17 agosto 1982 il primo CD per la vendita.

Creato in una fabbrica ad Hannover in Germania, venne utilizzato per la prima volta per registare la Sinfonia delle Alpi di Richard Strauss diretta da Herbert von Karajan con la Berliner Philharmoniker, quindi successivamente immesso nel mercato delle vendite. Mentre il primo album pop stampato in questo formato è stato "The Visitors" degli ABBA, ma il primo sul mercato fu "52nd Street" di Billy Joel, venduto dal 1 ottobre 1982 in Giappone insieme al lettore.

L'ingresso del CD cambiò radicalmente il modo di ascoltare la musica e nel 1990 riuscì a superare nelle vendite il più classico 33 giri, con 200 miliardi di compact disc venduti nel mondo solo nel 2007. L'intoduzione dell'ascolto della musica in streaming e degli mp3 spinse il CD verso una triste china, anche dal punto di vista informatico, perché pensionato velocemente dall'utilizzo della chiavetta USB più capiente e dal formato contenuto. Attualmente il trasferimento dei dati attraverso sistemi online più capienti e l'archiviazione nel cloud ne ha decretato il declino, tanto da uscire dal paniere Istat riguardante i beni e i servizi più acquistati in Italia.

Mai particolarmente amato, perché forse scomodo e non molto capiente, il CD sta vivendo la crisi dei 40 anni e un compleanno sicuramente sottotono. Al contempo il vinile ha ritrovato smalto catturando nuovamente l'interesse degli acquirenti e quello mai sopito degli estimatori. Una nuova primavera che sta coinvolgendo anche la musicassetta, con un incremento delle richieste e delle vendite, e che forse un giorno investirà anche lo stesso CD.

Tags

Commenti

Commenta anche tu