Roma, la Raggi su Facebook:"Detenuti per rifare le strisce pedonali"

Roma, la Raggi su Facebook:Detenuti per rifare le strisce pedonali
Inside Over
8 Marzo Mar 2019 08 marzo 2019

L'obiettivo della Raggi è quello di mettere i detenuti a lavoro per migliorare la segnaletica orizzontale capitolina e per ripulire caditoie oltre che prestare altri servizi di manutenzione secondari ma sempre importanti

Virginia Raggi ha messo a lavoro alcuni detenuti facendoli partecipare ad un progetto che li vede sulle strade di Roma per alcuni servizi di manutenzione e rifacimento segnaletica orizzontale

"Per noi è molto importante questo lavoro", con queste parole si apre il video pubblicato sulla bacheca ufficiale del sindaco della Capitale Virginia Raggi in cui annuncia che ha messo a lavoro alcuni detenuti per piccoli servizi di manutenzione stradale e per il rifacimento delle strisce pedonali, uno dei più grossi problemi della Capitale. L'assenza di una corretta segnalazione orizzontale rende la viabilità capitolina molto pericolosa, e così la Raggi ha deciso di porre rimedio con un progetto lanciato insieme a Roma Capitale e Ministero della Giustizia insieme a . Autostrade per l'Italia che hanno formato i detenuti per tre mesi in maniera tale da renderli in grado di poter utilizzare la strumentazione necessaria all'attività stradale. A partecipare al progetto per ora sono i carcerati di Rebibbia.

Un hashtag creato ad hoc per lanciare il progetto anche in ambito social, il #MiRiscattoperRoma è infatti utilizzato come topic per discutere del reinserimento socio-lavorativo dei detenuti della casa circondariale di Rebibbia. Inizialmente erano stati mandati a curare i giardini e i parchi cittadini, successivamente sono stati impiegati per lavori più tecnici. Tutti si sono dimostrati molto soddisfatti del progetto:"Un messaggio che è stato recepito dai detenuti come loro stessi affermano nel video che vi mostro e che documenta la loro attività nel quartiere di Primavalle, nella zona ovest della città. Dalle loro testimonianze emerge chiaramente come questa sia un’esperienza altamente formativa che apprezzano e che li sta aiutando nel loro percorso di reinserimento nella società", scrive la sindaca sul suo profilo Facebook e come riportato anche da Il Messaggero.

Tags

Commenti

Commenta anche tu