Conte chiama Juncker e Macron per prendere tempo sulla Tav

Conte chiama Juncker e Macron per prendere tempo sulla Tav
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
10 Marzo Mar 2019 10 marzo 2019

Il premier Giuseppe Conte ora deve fare i conti con l'Ue e con Macron sul fronte della Tav. E così "chiama" i partenr europei per comunicare i ritardi

Il premier Giuseppe Conte ora deve fare i conti con l'Ue e con Macron sul fronte della Tav. Dopo il rinvio sui bandi (ceh comunque partiranno lunedì), il premier ha avvisato i partenr europei del "ritardo" sul percoso della realizzazione della Tav. Dopo avere scritto alla società Telt, "ha informato anche il Presidente Macron e il Presidente Juncker sulla iniziativa intrapresa di ritardare i vincoli giuridici e gli impegni di spesa per i bandi e, in particolare, sul "supplemento di riflessione" richiesto per condividere dubbi e criticità nel frattempo emersi sul progetto infrastrutturale Tav", fa sapere una nota di Palazzo Chigi. E al Fatto lo stesso Conte parla di questo colloquio con il presidente francese e con il presidente della Commissione Europea: "Ne parlerò quanto prima con il presidente della Commissione Juncker e col presidente francese Macron. Stamane (ieri, ndr), mentre scrivevo a Telt, ho avvertito di questa interlocuzione sia Juncker sia Macron trasmettendo la lettera a Telt e chiedendo di incontrarli per avviare un processo decisionale condiviso. Che sarà complicato, ma che sono fiducioso di portare a buon fine".

Poi parla dell'analisi costi-benefici di Ponti: "Ha retto bene allo stress test. E allora ho avvertito tutti i presenti che nessuno deve permettersi di dirmi: l'analisi regge, ma la buttiamo nel cestino perché l'opera va fatta lo stesso senza discuterne. Ma come: abbiamo parlato per cinque mesi agli italiani dell'analisi costi-benefici e poi la cestiniamo? Sarebbe una presa in giro e io non sono un pagliaccio. Ecco il metodo: finché ci sarò io a Palazzo Chigi, non permetterò a nessuno di deviare le mie decisioni per ragioni di parte, ideologiche o affaristiche. È l'unico metodo che può garantire i soldi e gli interessi dei cittadini italiani".

Commenti

Commenta anche tu