"Guerra" ai roghi tossici nei campi Rom. Pronto l’intervento dell’esercito

Guerra ai roghi tossici nei campi Rom. Pronto l’intervento dell’esercito
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
10 Marzo Mar 2019 15 giorni fa

Tra il 12 marzo e il 2 aprile previsto un servizio straordinario di controllo del territorio con l’ausilio dell’esercito

Un servizio straordinario di pattugliamento sul territorio per evitare nuovi roghi tossici nei campi Rom. È stato deciso dal Comitato per l'ordine e la sicurezza dopo il vertice in Prefettura che ha portato il neo questore di Roma, Carmine Esposito, ad emanare l’ordinanza di servizio di vigilanza e pattugliamento H24 per il periodo tra il 12 marzo e il 2 aprile.

L’attività vedrà impegnati il corpo della Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri, la Polizia Locale di Roma Capitale con il supporto della Brigata Sassari dell'Esercito Italiano, impegnata nell'operazione Strade sicure.

L’Esercito metterà a disposizioni 39 militari, come annunciato dal ministro Salvini, che pattuglieranno tutti gli insediamenti presenti nel territorio dell’area metropolitana, tra cui anche quello di Castel Romano, tra i più grandi d’Italia, dove tra l’otto e il nove novembre scorso si è registrato un incendio domato, con difficoltà , solo grazie all’intervento congiunto dei numerose squadre dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Pomezia.

L’ultimo rogo si è registrato venerdì scorso, proprio a Castel Romano, dove le fiamme sono divampate interno nella prima serata di giovedì e i Vigili del fuoco ci hanno messo un giorno interno per contenerlo, dopo che l’incendio aveva bruciato un tappeto di rifiuti lungo circa un chilometro. Dopo l’accaduto il prefetto Paola Basilone aveva richiesto al ministero dell’Interno l’intervento dell’Esercito fino all’ordinanza degli scorsi giorni.

Tags

Commenti

Commenta anche tu