Unipol-Fonsai, annullate le condanne di primo grado

Unipol-Fonsai, annullate le condanne di primo grado
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Marzo Mar 2019 14 giorni fa

La corte di Appello di Torino ha annullato le condanne per il caso Fonsai e rimandato gli atti a Milano. Tutto riparte dalle indagini preliminari

Il processo sul caso Fonsai è tutto da rifare. La Corte d'appello di Torino ha infatti annullato le condanne per falso in bilancio e aggiotaggio pronunciate in primo grado nel 2016 e ha disposto il trasferimento degli atti a Milano.

Allora Jonella Ligresti, figlia di Salvatore Ligresti (che nel frattempo é deceduto, ma che era stato condannato a 6 anni di reclusione), era stata condannato a 5 anni e 8 mesi mentre l'ex ad del gruppo assicurativo, Fausto Marchionni, doveva scontare 5 anni e 3 mesi. 2 anni e 6 mesi per l'ex revisore dei conti, Riccardo Ottaviani, mentre erano stati assolti l'ex manager Antonio Talarico e il responsabile della revisione, Ambrogio Virgilio.

Come racconta La Stampa, nelle indagini condotte dalla Guardia di finanza era emerso che gli imputati avevano ridotto le "riserve" di bilancio, portando a un buco di 800 milioni. Parallelamente, però, rassicurarono i soci sulla buona salute di Fonsai. Il processo riparte ora proprio dalle indagini prelimiari e il caso verrà esaminato a Milano. Praticamente assicurata, quindi, la prescrizione.

Tags

Commenti

Commenta anche tu