Investe tre bambini e fugge: è caccia al pirata della strada

Investe tre bambini e fugge: è caccia al pirata della strada
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Marzo Mar 2019 13 giorni fa

Succede a Casoria, nel Napoletano. L’episodio è stato raccontato da alcuni testimoni oculari non solo alle forze dell’ordine, ma anche sul principale gruppo social cittadino

È caccia al pirata della strada che ha investito tre bambini a Casoria, nel Napoletano. I carabinieri della locale stazione stanno setacciando l’intero territorio, prima che l’automobilista riesca a far perdere le proprie tracce, e sono alle prese con le immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza installate in zona.

L’episodio è stato raccontato da alcuni testimoni oculari non solo alle forze dell’ordine, ma anche sul principale gruppo social cittadino. Tre bambini, l’altra sera, stavano attraversando via Guglielmo Marconi, la strada nei pressi della Galleria di Casoria, quando un’autovettura che viaggiava ad alta velocità li ha investiti.

Secondo la testimonianza dei genitori, che erano nelle vicinanze dei figli, ma non hanno fatto in tempo a riportarli sul marciapiede, il conducente è fuggito via senza prestare soccorso. Grande lo spavento per la madre e il padre dei tre piccoli, che sono stati sbalzati a terra nonostante la vettura li abbia solo sfiorati

I bambini hanno riportato delle fratture in diverse parti del corpo, ma le loro condizioni non sono preoccupanti. “Mio figlio – ha scritto sui social la mamma – non è stato soccorso da nessuno, né dai sanitari né tantomeno dalle persone presenti in quel momento davanti alla Galleria Marconi. Nessuno è intervenuto per telefonare ai carabinieri. Se qualcuno conosce la persona che ha travolto mio figlio non esiti a contattarmi”.

Questa volta la tragedia è stata solo sfiorata, ma è ancora fresco il ricordo dei due giovani africani investiti lo scorso mese di febbraio, mentre erano in bicicletta, da un auto pirata e abbandonati senza vita sull'asfalto dell’asse mediano di Caserta.

Tags

Commenti

Commenta anche tu