L'assalto di Salvini ai latitanti: "Ora dateci l'ex Br Casimirri"

L'assalto di Salvini ai latitanti: Ora dateci l'ex Br Casimirri
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Marzo Mar 2019 13 marzo 2019

La Lega presenta un emendamento al Parlamento Ue e chiede l'estradizione del terrorista che si trova in Nicaragua

Il Viminale con Matteo Salvini continua la sua battaglia per far rientrare in Italia, dopo Battisti, tutti quei latitanti che devono saldare il conto con la giustizia del nostro Paese. Il Carroccio infatti ha presentato un emendamento a Strasburgo, all'Europarlamento, per portare avanti la richiesta di estradizione dell'ex brigatista Alessio Casimirri. L'ex terrorista si trova da anni in Nicaragua. Adesso Salvini chiede aiuto all'Europa per sbloccare il caso e assicurare alle patrie galere l'ex terrorista rosso. Il voto di fatto è previsto per la giornata di domani. Il ministro Salvini ha chiesto in questa occasione "l'appoggio di tutti". Casimirri, dopo il rientro in Italia di Battisti, è diventato il latitante in cima alla lista del Viminale.

Ha partecipato al sequestro dell'onorevole Aldo Moro e all'assassinio degli uomini della scorta in via Fani. Inoltre, sempre Casimirri, ha partecipato agli attentati contro i giudici Palma e Tartaglione e all'assalto della sede della Democrazia Cristiana a piazza Nicosia a Roma. È stato condannato all'ergastolo che però non ha mai scontato in Italia. Anzi, nella sua nuova vita all'estero è titolare di un ristorante, La Cueva del Buzo a Managua. "Siamo fermamente convinti che i delinquenti scappati all’estero debbano tornare in Italia e scontare le loro pene. Siamo impegnati su più fronti e auspico che anche in Europa condividano la battaglia del nostro governo", ha affermato il titolare degli Interni. Insomma l'Italia adesso dichiara guerra a chi con una fuga all'estero ha dato uno "schiaffo" all nostra giustizia.

Tags

Commenti

Commenta anche tu