Dieta mediterranea: prestigioso riconoscimento dagli Usa

Dieta mediterranea: prestigioso riconoscimento dagli Usa
Inside Over
15 Marzo Mar 2019 15 marzo 2019

La dieta mediterranea riconosciuta come salutare anche negli Stati Uniti: ecco come questo stile di vita fa bene al corpo e non solo

Che la dieta mediterranea godesse di una grande considerazione internazionale non è una novità.

Tuttavia, in questi giorni dagli Stati Uniti, giunge un’ulteriore attestazione di come essa venga vista universalmente in termini di benefici per la salute. In tal senso, secondo Us News and World Report, la dieta mediterranea è risultata al primo posto tra 41 differenti regimi alimentari, stando al giudizio di alcuni esperti sanitari indipendenti.

Questa dieta - che prevede soprattutto alimenti di natura vegetale a partire da cereali, frutta, verdura e olio di oliva, ma anche poca carne bianca e poco pesce, legumi, uova, latticini e vino rosso - consente di vivere più a lungo e prevenire alcune malattie croniche non trasmissibili. La notizia è stata resa pubblica da Confagricoltura.

Questo ennesimo riconoscimento giunto dagli Stati Uniti - ha dichiarato il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti - conferma l'assoluta mancanza di fondamento delle indicazioni di nocività dei prodotti destinati all'alimentazione basate sul contenuto di grassi, zucchero e sale. Mi riferisco ai sistemi di etichettatura cosiddetti «a semaforo» e «nutriscore» in vigore in alcuni Stati membri dell'Unione Europea. Senza dimenticare che nei mesi scorsi in seno all'Onu si è discusso, per fortuna senza esito, sul varo di politiche fiscali per dissuadere dal consumo di cibi insalubri, tra quali sarebbero rientrate alcune eccellenze del Made in Italy agroalimentare”.

Quest’attestazione si unisce a una lunga storia di riconoscimenti, iniziata nel 2010, quando l’Unesco ha accertato che la dieta mediterranea rappresenta Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità, che porta con sé una grande valenza nutrizionale, ma anche sociale e culturale.

Tags

Commenti

Commenta anche tu