I soldi dei parlamentari? Adesso vanno restituiti su un conto di Di Maio

I soldi dei parlamentari? Adesso vanno restituiti su un conto di Di Maio
Inside Over
15 Marzo Mar 2019 15 marzo 2019

Scontro acceso nel Movimento Cinque Stelle. Questa volta la lite interna si apre sul fronte delle restituzioni. Cambia l'iban e arrivano le polemiche interne

Scontro acceso nel Movimento Cinque Stelle. Questa volta la lite interna si apre sul fronte delle restituzioni. Finora i soldi che i parlamentari restituivano una parte della loro busta paga da parlamentari in un conto corrente per le Pmi oppure per gli alluvionati e i terremotati. Adesso però, come riporta ilMessaggero, cambia tutto. E di fatto questi soldi, come predisposto da una circolare di Rousseau adesso i soldi dovranno essere restituiti in un nuovo conto corrente con un Iban intestato a Luigi Di Maio, vicepremier e capo politico del Movimento, a Francesco D'Uva, capogruppo M5s alla Camera e a Stefano Patuanelli, capogruppo grillino a palazzo Madama.

E qualcuno comincia a mormorare sul cambio di rotta repentino: "Di fronte alla protesta, Luigi si era impegnato a rivedere insieme a noi il meccanismo - racconta un parlamentare grillino al Messaggero - ma la mail è l'ennesima prova che siamo stati scavalcati". In questo quadro va sottolineato che lo stesso Di Maio è contestaulamente socio fondatore del Movimento e tesoriere. Bisogna capire adesso dove finiranno questi soldi. Forse ci sarà un voto su Rousseau per decidere a chi destinarli? Intanto qualche parlamentare sospetta che dietro questo sistema possano esserci donazioni che arrivano dall'alto con una scelta fin troppo "accurata" dei destinatari: "Se l' obiettivo è questo smettiamola con la storia delle restituzioni ai cittadini, e chiamiamole con il loro vero nome: spese per la propaganda di partito". Insomma i grillini rischiano di implodere per le tensioni interne. Basate sui soldi...

Tags

Commenti

Commenta anche tu