Sui caricatori il nome di Traini. Le armi usate dagli attentatori

Sui caricatori il nome di Traini. Le armi usate dagli attentatori
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Marzo Mar 2019 9 giorni fa

Il commando di morte ha "dedicato" la macabra e folle strage ad alcune persone. Tra i nomi sui caricatori quello di Traini e quello del Doge di Venezia

Nei caricatori delle armi usate dagli attentatori in Nuova Zelanda ci sono alcune scritte. Il commando di morte ha infatti "dedicato" la macabra e folle strage ad alcune persone. Tra questi c'è anche Luca Traini. In rete infatti c'è una foto di quelli che si pensa siano i caricatori delle armi utilizzate per la strage nelle moschee di Christchurch. E su uno dei caricatori appinto c'è il nome del 28enne responsabile della sparatoria di matrice razzista di Macerata contro gli immigrati. Sui caricatori compaiono anche i nomi di Alexandre Bissonette, il 29enne che nel 2017 uccise sei persone in una moschea di Quebec City, in Canada, e di Sebastiano Venier, il Doge veneziano che sconfisse i turchi durante la battaglia di Lepanto del 1571.

Insomma tutti nomi "simbolo" della battaglia anti-islam e anti-immigrati che la follia dei componenti del commando ha portato avanti. Tutto è stato documentato sui social con foto e video che di fatto hanno raccontato minuto per minuto quanto accaduto sin dai primi istanti dell'attacco. Un video ripreso in soggettiva mostra poi il vero e proprio assalto alla moschea. Nelle immagini è possibile vedere anche le armi che vengono prelevat dal bagagliaio e che vengono impugnate per sparare all'impazzata sui fedeli musulmani. Uno degli attentatori è stato arrestato dalla polizia. Almeno altre tre persone invece hanno proseguito la fuga. Il commando sarebbe composto da tre uomini e una donna. Adesso è caccia all'uomo in tutto il Paese.

Commenti

Commenta anche tu