Treviso, beccato a rubare al Despar senegalese aggredisce vigilante

Treviso, beccato a rubare al Despar senegalese aggredisce vigilante
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Marzo Mar 2019 7 giorni fa

Lo straniero aveva cercato invano di nascondere la refurtiva all’interno del suo giubbotto. Fermato da un addetto alla sicurezza, non ha esitato ad aggredirlo, scaraventandolo contro una vetrina

Entra in un supermercato di Conegliano (Treviso) per fare spesa “gratis” ed aggredisce un addetto alla sicurezza che lo coglie sul fatto.

Protagonista della vicenda un 25enne senegalese, finito in manette con l’accusa di rapina e lesioni personali. Secondo quanto riferito dagli inquirenti intervenuti sul posto, il fatto si è verificato ieri pomeriggio, intorno alle ore 18. Dopo essersi introdotto nel centro Despar di via Cavour, l’africano si è impossessato di alcuni prodotti, subito nascosti sotto il giubbotto.

Un espediente piuttosto banale, con cui non è riuscito ad ingannare uno dei vigilanti, che lo ha raggiunto per effettuare un controllo. Compreso di trovarsi nei guai, il senegalese si è allora rivoltato contro l’addetto alla sicurezza, aggredendolo. Dopo avergli assestato una serie di colpi, lo ha spinto con violenza contro una vetrina, finita in frantumi, prima di darsi alla fuga. Un tentativo risultato poi inutile, dato che è stato immediatamente immobilizzato dagli altri dipendenti del supermercato.

Sul posto sono presto sopraggiunti gli agenti della questura di Conegliano, che hanno identificato ed arrestato lo straniero. Si tratta di un richiedente asilo con diversi precedenti alle spalle per reati commessi contro il patrimonio, ma regolarmente residente nel nostro Paese.

Finito dietro le sbarre, il gip del tribunale di Treviso ha convalidato la misura caurelare, in attesa del giudizio direttissimo.

In seguito alla violenta aggressione subìta, il vigilante è dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso, dove gli sono stati assegnati 5 giorni di prognosi.

Tags

Commenti

Commenta anche tu