Un leghista a Bergamo e Pavia, Cremona a Fi

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
15 Marzo Mar 2019 8 giorni fa

Alberto Giannoni

Bergamo e Pavia alla Lega, Cremona a Forza Italia. A due mezzi e mezzo dal voto, la partita delle Comunali subisce un'accelerazione e una svolta. Che i tempi fossero maturi per una decisione lo si era capito lunedì, quando il leader della Lega Matteo Salvini, nel corso di una conferenza stampa dopo il Consiglio federale, ha indicato Pavia come città che avrà un candidato leghista. Pavia è un capoluogo su cui il centrodestra punta molto - visto anche il caos in cui versa il centrosinistra. L'indicazione di Pavia in seguito è stata portata al tavolo nazionale del centrodestra, che ha sciolto gli altri nodi lombardi. Il primo quello di Bergamo, città che sta molto a cuore al Carroccio: le difficoltà interne sono state superate e ora sembra certo che il candidato sindaco della coalizione sarà Giacomo Stucchi (foto) ex presidente del Copasir, che ha vinto le resistenze legate alla sua collocazione interna alla Lega. Pavia, come detto, dovrebbe andare anch'essa al Carroccio, probabilmente con Fabrizio Fracassi, ex assessore con Alessandro Cattaneo. Resta da vedere come reagiranno gli alleati, a partire dai civici. Forza Italia dovrebbe fare un passo indietro, ottenendo il candidato sindaco di Cremona, dove non c'è niente di ufficiale, ma il nome di riferimento degli azzurri, per autorevolezza, potrebbe essere quello di Carlo Malvezzi.

Commenti

Commenta anche tu