Aprilia, marocchino morì dopo un inseguimento: guarda giurata ai domiciliari

Aprilia, marocchino morì dopo un inseguimento: guarda giurata ai domiciliari
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
16 Marzo Mar 2019 7 giorni fa

Guardia giurata ai domiciliari per omicidio preterintenzionale dovuto a un inseguimento: assieme ad altri due residenti di Aprilia aveva cercato di raggiungere un marocchino ritenuto possibile ladro; morto a seguito dell'incidente

Uno dei due indagati per quanto riguarda il decesso del marocchino, morto ad Aprilia nella notte tra il 28 e 29 luglio sulla via Nettunense, è stato arrestato in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare. La guardia giurata - con l'aiuto di due residenti della zona - si era lanciato all'inseguimento del 43enne, ritenendo che fosse prossimo a un furto.

La ricostruzione

Il marocchino era stato notato all’interno dell’auto in una zona residenziale di Aprilia, si legge su Latinacorriere, precisamente sotto l'abitazione dei due indagati. Stando alle versione degli avvocati, i due sarebbero stati quasi investiti dal sospettato, che sarebbe entrato velocemente in macchina e partito con una velocità notevole. A quel punto sarebbero stati avvertiti i carabinieri, mentre si stava tentando l'inseguimento. La vittima, Zaitouni Hady, viaggiava assieme a un'altra persona su un'auto che successivamente è finita fuori strada. La situazione è finita immediatamente sotto l'esame dei carabinieri del reparto territoriale di Aprilia; in base alle indagini svolte, la Procura aveva indagato un autista e un guardia giurata per omicidio preterintenzionale, colpevoli di aver inseguito l'uomo facendolo schiantare con l'auto. Questa sera i carabinieri hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti del vigilante.

Tags

Commenti

Commenta anche tu