Boeing caduto, l'aereo andava troppo veloce dopo il decollo

Boeing caduto, l'aereo andava troppo veloce dopo il decollo
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
17 Marzo Mar 2019 5 giorni fa

Secondo una fonte di Reuters che ha ascoltato la registrazione delle conversazioni fra pilota e controllo del traffico aereo, il comandante chiese di riprendere quota per problemi tecnici

Il Boeing 737 Max dell'Ethiopian Airlines, caduto con 157 persone a bordo, "aveva una velocità insolitamente elevata dopo il decollo prima che l'aereo segnalasse problemi e chiedesse il permesso di prendere rapidamente quota". A rivelarlo è Reuters che cita una fonte che ha avuto modo di ascoltare la registrazione del controllo del traffico aereo.

Secondo quanto riportato dall'agenzia, nelle registrazioni si sente una voce che, dalla cabina di pilotaggio del Boeing, chiede di salire a 14mila piedi (4200 metri), per poi chiedere di poter atterrare per problemi tecnici. La richiesta di prendere quota viene effettuata dai piloti nel momento in cui riscontrano problemi per i quali è necessario aumentare il margine di manovra in caso di atterraggio d'emergenza.

Il Boeing 737 Max è scomparso dal radar quando era a quota 10.800 piedi, nel momento immediatamente successivo all'inizio della manovra per tornare verso Addis Abeba. La fonte di Reuters ha dichiarato: "Il pilota ha detto che aveva un problema nel controllare l'aereo, ecco perché voleva salire". E sembra che il pilota abbia urlato "Break, break" alla torre di controllo per intimare di interrompere qualsiasi conversazione non urgente.

Tags

Commenti

Commenta anche tu