Prisma è stato lanciato: in orbita satellite italiano che aiuterà l'ambiente

Prisma è stato lanciato: in orbita satellite italiano che aiuterà l'ambiente
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
22 Marzo Mar 2019 22 marzo 2019

Il suo occhio tecnologico osserverà il nostro Pianeta, dandoci indicazioni sul suo stato di salute e sulle modalità di sviluppo sostenibile

È entrato in orbita attorno alla Terra questa notte il nuovo satellite, Prisma, programmato per acquisire immagini contenenti informazioni relative alla composizione chimico-fisica degli oggetti presenti sulla superficie del nostro pianeta. Prisma è stato realizzato dall'Agenzia Spaziale Italiana.

Il satellite sarà in grado di osservare e fornire indicazioni sullo stato di salute della Terra, per un'evoluzione verso uno sviluppo sostenibile. Il lancio è avvenuto alle 2.50 italiane, dalla base europea di Kourou nella Guyana Francese. Prisma, la cui realizzazione è costata 126 milioni di euro, affronterà tre mesi di prove e di verifiche e diventerà pienamente operativo a giugno. Asi assicura che il satellite avrà notevoli ricadute, sia industriali che scientifiche. In ogni caso, il successo del lancio e dell'ingresso in orbita, hanno dimostrato le capacità italiane in ambito aerospaziale:"Oggi abbiamo confermato il ruolo dell'Italia come paese guida nel campo dell'osservazione e monitoraggio della Terra dallo spazio", ha affermato il sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri, Giancarlo Giorgetti. Il progetto, ha proseguito, è "frutto di una capacità nazionale che coinvolge il processo di ricerca, sviluppo industriale e tecnologico e produttivo in tutti gli ambiti della filiera spaziale".

Prisma va a completare l'offerta nel segmento spaziale di osservazione della Terra dell'Asi, composto da 4 satelliti, in grado di fornire 1.800 immagini radar al giorno.

Tags

Commenti

Commenta anche tu