Dalla doccia al cocktail dove si nascondono i «nemici»

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
4 Aprile Apr 2019 20 giorni fa

I rischi sono nelle abitudini della nostra vita quotidiana

Ecco alcuni dei nascondigli per virus e batteri ai quali, in genere, non prestiamo attenzione.

IN CASA

I ricercatori dell'Università del Colorador hanno scoperto che circa il 30 per cento delle docce studiate nascondevano nei loro soffioni carichi significativi di un agente che causa polmoniti. Meglio, quindi, smontare ogni tanto la doccia per pulirla e disinfettarla. Anche i contenitori del sale e del pepe sono pieni di insidie. Ricercatori della University of Virginia School of Medicine, Charlottesville, infatti, hanno dimostrato la presenza su questi oggetti di una elevata quantità di rinovirus che possono trasferirsi facilmente da un commensale all'altro.

AL SUPERMERCATO

Secondo un gruppo di esperti dell'Università dell'Arizona, oltre alla nostra spesa i carrelli del supermercato possono trasportare anche una gran quantità di microrganismi. Studiando, per esempio, alcuni batteri fecali, i ricercatori hanno riscontrato un'elevata percentuale di impugnature contaminate. Addirittura, la quota di batteri per centimetro quadrato era superiore a quella che, mediamente, si trova all'interno di un bagno pubblico.

AL BAR

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Environmental Health, nel 70 per cento dei casi gli spicchi di limone che abbelliscono le bevande al bar sono carichi di ogni tipo di microrganismi patogeni (fino a 25 specie diverse). Forse è meglio, quindi, evitare di far mettere le fettine di limone nei nostri bicchieri e riservare questa abitudine ai party casalinghi, avendo l'accortezza di lavare con cura il frutto prima di utilizzarlo.

IN VIAGGIO

Che i voli in aereo aumentino le probabilità di ammalarsi di raffreddore non è una novità, ma è bene ribadire il concetto. Quello che forse ci può suonare nuovo è che le probabilità di infettarsi addirittura si centuplicano. I responsabili sono soprattutto il riciclo forzato dell'aria (che ricicla anche i rinovirus) e lo spazio ristretto che costringe i passeggeri a vicinanze forzate.

IN ALBERGO

In albergo, attenzione al telecomando: insieme alle centinaia di canali ai quali può darvi accesso può trasportare sulle vostre mani anche un numero molto maggiore di germi. Lo hanno controllato alcuni ricercatori dell'Università della Virginia, riscontrando sui telecomandi degli hotel un'elevata carica di rinovirus. In effetti, spesso questi dispositivi non vengono puliti, con la conseguenza di favorire il contagio.

Commenti

Commenta anche tu