Arriva la mano robotica che presta soccorso dopo le calamità naturali

Arriva la mano robotica che presta soccorso dopo le calamità naturali
Inside Over
5 Aprile Apr 2019 05 aprile 2019

Il robot creato dalla Nasa è stata dotata di sensori tattili italiani, che permettono ri riconoscere e manipolare un oggetto

Ora, la mano robotica che aiuta durante le calamità è dotata di sensorialità: grazie al tatto artificiale, può percepire dimensione, rigidità e proprietà fisiche degli oggetti che manipola.

Sono i risultati di uno studio di un gruppo di ricercatori dell'Istituto di biorobotica della scuola superiore Sant'Anna di Pisa, in collaborazione con l'Istituto italiano di tecnologia, l'Univesità Cà Foscari di Venezia e la Nasa. Gli scienziati sono riusciti a dare sensibilità a una delle mani artificiali di RoboSimian, l'avatar con quattro arti, sviluppato dalla Nasa, per fornire un intervento immediato in caso di disastri e calamità naturali, per evitare di far rischiare la vita ai soccorritori, nelle situazioni più estreme. Ora, la mano del robot è in grado di afferrare oggetti delicati, senza farli cadere e senza rischiare di distruggerli.

Il primo autore dello studio, Luca Massari, ha presentato"la progettazione e lo sviluppo di una mano artificiale sensorizzata per il controllo e la percezione delle proprietà fisiche degli oggetti manipolati". La mano contiene un sensore, costituito da una fibra ottica, che gli permette di rilevare dimensioni e consistenza dell'oggetto che manipola e di afferrare oggetti fragili senza romperli, adattando "dinamicamente la posizione delle dita robotiche durante la manipolazione di oggetti che cambiano volume".

RoboSimian è stato progettato per due motivi: "sollevare oggetti pesanti e interagire con il mondo umano. La mano sensorizzata premette proprio questo, un controllo più efficace degli oggetti e un'interazione più sviluppata". Il prossimo passo sarà quello di integrare la mano sensorizzata in un braccio robotico.

Tags

Commenti

Commenta anche tu