Arrestato per il furto di proiettori in una scuola, evade dai domiciliari e torna a rubare

Arrestato per il furto di proiettori in una scuola, evade dai domiciliari e torna a rubare
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
11 Aprile Apr 2019 8 giorni fa

Un uomo di 43 anni, con diversi precedenti, è stato arrestato due volte in due giorni per aver compiuto furti di proiettori in scuole situate nel Napoletano

Solo due giorni fa era finito in manette, e poi messo ai domiciliari, per aver rubato dei proiettori all’interno di una scuola di Licola, in provincia di Napoli. Ma la lezione, evidentemente, non gli è servita. L’uomo, infatti, ieri sera è stato beccato in un istituto di Varcaturo mentre cercava di portare via un altro proiettore. Questa volta, però, per il malvivente si sono aperte le porte del carcere.

L’infaticabile rapinatore è Luigi Brusco, un 43enne di Pozzuoli già noto alle forze dell’ordine per essere stato il protagonista di numerosi furti.

Nella tarda serata di martedì, i carabinieri della stazione di Monterusciello lo avevano notato vicino alla scuola "Giovanni Falcone" di Licola mentre caricava sulla sua automobile 3 proiettori. Da accertamenti eseguiti sul luogo era emerso che gli strumenti erano stati prelevati poco prima proprio dall’istituto. I militari, così, hanno arrestato l’uomo che, successivamente, era stato posto ai domiciliari.

La notte scorsa, i carabinieri si sono recati a casa del 43enne per controllare che stesse rispettando gli obblighi ma non l'hanno trovato. I militari, così, hanno provato a rintracciare l’uomo anche nei luoghi che frequentava di solito ma dell’evaso non c'era traccia.

Contemporaneamente, alle forze dell’ordine è arrivato un allarme dalla scuola primaria e dell'infanzia “Don Giuseppe Diana” situata nel non lontano comune di Varcaturo. I carabinieri si sono precipitati nell’istituto beccando in flagrante il ladro. Con loro sorpresa, il malvivente bloccato era proprio il 43enne ricercato che era entrato nella struttura dopo aver forzato la porta di emergenza al primo piano.

Anche in questo caso, l’uomo stava portando via un proiettore. Il non troppo scaltro ladro è stato arrestato con l'accusa di evasione dei domiciliari e furto aggravato.

Da quanto emerso nel corso delle indagini, Luigi Brusco ha diversi precedenti penali per furti nelle scuole. Nel 2016 era stato già fermato per un grosso colpo compiuto all'interno dell'Augusto Righi di Napoli: in quel’occasione aveva portato via ben 38 computer.

Tags

Commenti

Commenta anche tu