Iliad sospende la guerra dei prezzi. Ora offre più giga a tariffe più salate

Iliad sospende la guerra dei prezzi. Ora offre più giga a tariffe più salate
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Aprile Apr 2019 8 giorni fa

Soppressa la tariffa da 50 giga, che costava 7,99 anche se è rimasta quella a 4,99 con 40 giga

Potrebbe arrivare un buona notizia per i gestori di tlc mobili italiani. Iliad, infatti, ha proposto una tariffa più cara rispetto a quelle fin qui annunciate. In pratica la società di Xavier Niel ha deciso di alzare i giga fruibili al mese a 70, oltre ovviamente a chiamate e sms, portando la spesa a 9,99 euro mensili. È invece stata soppressa la tariffa da 50 giga, che costava 7,99 anche se è rimasta quella a 4,99 con 40 giga.

Si tratta dunque di una mossa che si sposa con la strategia attuata anche da altri gestori low cost. Come Ho.Mobile di Vodafone che ha alzato a 50 il numero di giga mensili, portando la tariffa da 6,99 a 11,99. Ma anche Kena Mobile di Tim ha attuato la medesima strategia (50giga a 12,99 euro). Ossia più giga a fronte di tariffe più costose.

Iliad al momento ha registrato un rallentamento delle sottoscrizioni dopo i primi mesi dal lancio in cui aveva ottenuto una crescita molto sostenuta. A fine dicembre, a sette mesi dal lancio, i clienti erano 2,8 milioni. Certo è che ora il gestore francese sta facendo fatica a sfondare il tetto dei 3 milioni di utenti. Quanto ai numeri di bilancio nei primi sette mesi i ricavi di Iliad in Italia sono stati pari a 125 milioni con 52 milioni di perdite. La società ha anche un altro problema: la realizzazione della propria rete mobile, visto che ad oggi i servizi sono offerti sulla rete di Wind Tre.

Tra gli obiettivi, che richiedono però notevoli in vestimenti, quello di predisporre 3.500 siti per la rete entro il 2019. Per far questo la società ha siglato un accordo con Inwit, la società della torri di Tim. Che a sua volta ha un accordo con Vodafone per l'integrazione della sua infrastruttura mobile.

Commenti

Commenta anche tu